Tariffe dei cellulari all'estero, i consigli per evitare brutte sorprese

By 22 Luglio 2014 consumi, Economia

Dal primo luglio è scattata l’Eurotariffa, che dimezza i costi del roaming all’estero. Roaming che, entro la fine del 2015 dovrebbe definitivamente sparire quando saranno azzerati tutti i costi aggiuntivi per telefonate e navigazione all’interno della Unione Europea.

L’estate 2014 si presenta quindi già più vantaggiosa per chi ha deciso di trascorrere le sue vacanze fuori dai confini italiani. Eppure qualche accorgimento va preso visto che usare gli smartphone all’estero può riservare comunque spiacevoli sorprese se non si presta attenzione.  Dei buoni consigli li ha stilati in un decalogo Facile.it, alcune semplici regole per risparmiare, comunicando.

Leggi anche: Tariffe cellulari, l’Europa vieta i costi aggiuntivi sui pagamenti

SMS. Per ricevere notizie da casa sono meglio gli sms, che non si pagano. Mentre le telefonate, anche in ricezione, sono a pagamento e hanno costi variabili a seconda dell’operatore cui ci si appoggia e della nazione in cui ci si trova.

CHAT. Le chat non sono free, nel senso che all’estero, se non si ha un piano tariffario che includa l’uso della connessione dati, Internet che può arrivare a bruciare euro a più non posso. WhatsApp o WeChat, ma anche una sbirciatina su Facebook quindi possono costare care. Meglio collegare il telefono a Internet solo nei paraggi di una connessione WiFi, presente spesso negli hotel e nei luoghi pubblici.

UE. L’Eurotariffa di cui parlavamo prima, cioè il limite al costo per la comunicazione in roaming, è esclusiva dei Paesi dell’Unione Europea. Quindi meglio controllare bene la mappa dei Paesi aderenti: Svizzera e Albania ad esempio non ci sono.

Leggi anche: Internet in volo, il via libera dell’Europa alle compagnie aeree

SIM LOCALI. Se il periodo di permanenza all’estero è lungo e la voglia di comunicare è tanta, meglio usare una Sim Locale con cui stipulare un contratto ricaricabile con minuti di conversazione, SMS e dati a costo fisso.

IN MARE. Anche in nave è possibile telefonare utilizzando il roaming marittimo, ma attenzione le tariffe non sono basse (da 1,67 euro a 3 al minuto per le chiamate effettuate) e variano in base agli accordi tra il proprio operatore e quello presente sulla nave.

MAPPE. Infine, da bravi organizzatori di viaggio, scaricate cartine e mappe del luogo dove andrete solo in presenza di connessione WiFi, oppure ancor meglio prima di partire. Salvatele sul vostro smartphone a avrete così la possibilità di consultarle offline una volta arrivati sul posto.

Scopri tante altre buone notizie sulla nostra applicazione BuoneNotizie PLUS

Diventa anche tu ambasciatore di Buone Notizie!

Leggi anche: 

Con web e app, la valigia del viaggiatore è sempre più leggera

Leave a Reply