Come finanzio la mia PMI in tempo di crisi?

By 12 Dicembre 2014 Economia

In questo periodo di disagio economico sono molti gli istituti che hanno voltato le spalle a privati e imprese, negando loro i finanziamenti di cui avevano bisogno. La richiesta di un finanziamento bancario necessita la presenza di determinate condizioni che consentano all’istituto di avere delle garanzie sulla restituzione del debito.

Negli ultimi anni, a sostegno delle imprese coinvolte dalla sfavorevole congiuntura economica sono intervenute sia la Bce, offrendo alle banche italiane dei prestiti a tassi agevolati, sia il Ministero dello Sviluppo Economico, estendendo l’accesso al Fondo Centrale di Garanzia, sia i singoli istituti bancari, che hanno sviluppato iniziative per abbassare la soglia imposta dai criteri di bilancio per accedere al credito.

Uno dei casi più recenti è quello della Banca Valsabbina, tra le più storiche banche di Brescia che presidia i territori nelle province di Brescia, Verona, Trento e Mantova, e la società NSA, azienda partner di soluzioni finanziarie. La banca bresciana, in partnership con NSA (azienda specializzata in soluzioni finanziarie), ha infatti messo a disposizione un plafond di 50 milioni di euro, garantito all’80% dal Fondo Centrale di Garanzia, in favore esclusivamente di micro, piccole e medie Imprese che non raggiungono, secondo le attuali regole, i criteri minimi di bilancio per l’accesso al fondo di garanzia per le imprese.

Si tratta di una grande operazione di sostegno al tessuto imprenditoriale locale: la banca di assume così qualche rischio in più rispetto alla normale operatività con il Fondo Centrale di Garanzia, confermando così la sua vocazione di banca radicata sul territorio. Dall’inizio di questa partnership, Banca Valsabbina ha finanziato 2.700 piccole e medie imprese, per un importo totale di 570 milioni di euro.

Sono numerose le iniziative che hanno visto coinvolte le istituzioni e gli istituti bancari per agevolare l’accesso al credito per le PMI in questo periodo di crisi, come vi abbiamo raccontato in questi articoli.

Leave a Reply