Tutto sulla crisi greca fra pagamenti elettronici e campagne di crowdfunding

di 1 Luglio 2015Luglio 6th, 2015Economia & Lavoro

In questi giorni di tensione i greci hanno smesso di comprare il pesce fresco al mercato, quello del supermercato però si vende ancora bene. Cosa fa la differenza? I negozi ambulanti non accettano i pagamenti con le carte di credito, i centri commerciali sì. E i contanti – si sa – scarseggiano, meglio quindi usarli il meno possibile. Mai come nel caso della crisi greca i pagamenti elettronici hanno avuto un ruolo così importante. E mentre sale la febbre dei Bitcoin (che però potrebbero risolvere la situazione solo fino a un certo punto) e su IndieGoGo è stata lanciata una “coraggiosa” campagna di crowdfunding per trovare 1,6 miliardi di euro per i greci…

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!