Dal fascicolo sanitario agli ambulatori, le aziende innovative sostengono una sanità che cambia
Quando consultiamo il nostro fascicolo sanitario direttamente dallo smartphone, prenotiamo online una visita medica presso una struttura pubblica o privata o controlliamo la frequenza cardiaca sullo smartwatch durante una corsa, stiamo di fatto utilizzando soluzioni medicali e strumentazioni biomedicali.

Soluzioni spesso studiate da startup che si affacciano sul mercato con l'obiettivo di migliorare la salute delle persone attraverso la ricerca e l'innovazione o da aziende già avviate che forniscono soluzioni tecnologiche e dispositivi digitali a supporto di pazienti e addetti ai lavori.

Lo sviluppo di tali soluzioni richiede diverse fasi di ricerca e di sperimentazione che sono alla base dei progetti d’impresa innovativi protagonisti del mercato del Digital Health.
Lavoro: i numeri di un settore “in salute”
L’obiettivo di «assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età» era già stato individuato nel 2015 dall’ONU come terzo pilastro dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Oggi, quasi al termine del 2021, lo scenario post-pandemico pone in evidenza non solo la necessità di un accesso indifferenziato alle cure essenziali, ma anche l’importanza di riorganizzare i sistemi sanitari nazionali nel segno di una maggiore flessibilità.

Il mercato delle aziende private che operano nel settore della salute è vasto: in Italia, nel 2020 Confindustria ha registrato un valore di 16,7 miliardi di euro soltanto per il settore dei dispositivi medici, per un totale di più di 4 . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.