Il Portale Europeo per i giovani è un piano dell’UE per sostenere e promuovere opportunità di studio, di lavoro o di volontariato all’interno del panorama europeo. Si tratta di un sito web che fornisce informazioni sulle occasioni di lavoro, di studio o di volontariato per i giovani che vivono in territorio europeo. Al suo interno, è prevista una sezione “DiscoverEU 2024”. Nello specifico, questa iniziativa offre ai 18enni provenienti dall’UE, di viaggiare gratis attraverso l’Europa per scoprire il patrimonio culturale.

Che cosa prevede il Portale europeo per i giovani

Il Portale è un’iniziativa dalla Commissione europea ed è disponibile in 28 lingue che i ragazzi tra i 13 e i 30 anni possono consultare per ottenere informazioni e conoscere le opportunità in tutta Europa. 

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Il portale offre ai giovani che studiano o lavorano in Europa informazioni sulle opportunità di cui possono usufruire a livello europeo e nazionale. Le indicazioni riguardano un’ampia varietà di argomenti e tra questi vi sono l’istruzione, il lavoro, la cultura, l’inclusione, la salute e il volontariato.

Attraverso il portale, è possibile leggere le testimonianze dei giovani e visualizzare l’elenco degli eventi in corso. Per fare in modo di accedere alle iniziative che il portale offre, occorre che i ragazzi si rivolgano a Eurodesk, la rete ufficiale del programma Erasmus+. Oltre a fornire l’informazione sui programmi sostenuti dalle istituzioni comunitarie per i giovani, si occupa della gestione dei contenuti e della promozione del portale. È presente in 36 Paesi europei con centri di coordinamento nazionali e più di 1.000 info point dislocati sul territorio. Tra le iniziative coordinate da Eurodesk, vi è DiscoverEU che offrirà ai 18enni la possibilità di esplorare l’Europa.

DiscoverEu 2024: l’opportunità di viaggiare gratis per l’Europa

DiscoverEU 2024 è un’opportunità finanziata attraverso il programma Erasmus+ ed è prevista con due tornate di candidature annuali. Nel 2023, oltre 36mila giovani hanno ricevuto il pass DiscoverEU per un periodo massimo di un mese, tra il 1° marzo 2024 e il 31 maggio 2025.

Il prossimo periodo di iscrizioni è previsto in primavera. Per partecipare, i ragazzi devono avere 18 anni ed essere cittadini o residenti in uno dei 27 Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e i territori d’oltremare). I selezionati, otterranno una carta europea che darà diritto a sconti su visite culturali, sport, trasporti locali e alloggio.

DiscoverEU offre l’opportunità di scoprire la storia e la cultura dell’UE, oltre a conoscere persone provenienti da tutta Europa. Inoltre, il progetto prevede la possibilità di effettuare uno scambio virtuale Erasmus+, per cui i giovani possono fruire di un’istruzione internazionale di alto livello senza doversi spostare dal proprio Paese.

Portale europeo: un’opportunità di crescita in ambito europeo

I giovani e coloro che lavorano con o per i giovani, possono essere aggiornati sulle iniziative sostenute dall’UE, che offrono opportunità finanziate o informazioni sulle strategie adottate a livello europeo sulle politiche giovanili.

All’interno del portale, le possibilità di studio, lavoro o volontariato sono suddivise in sezioni e ciascuna a sua volta è suddivisa in una sottocategoria riferita a una specifica tematica. Inoltre ampio spazio è dedicato alle politiche dell’UE a favore dei giovani denominata Partecipa” che raccoglie tutte le attività riferite alla cittadinanza attiva, indispensabile per maturare un’esperienza di formazione o professionale all’interno del panorama europeo.

Tra queste vi sono l’impegno civico, il dialogo tra i giovani e i responsabili politici affinché, le loro opinioni e esigenze, siano presi in considerazione nella determinazione delle politiche dell’UE a favore della gioventù.

Leggi anche:

Elezioni europee 2024: in Belgio diritto di voto esteso ai sedicenni per votare il Parlamento

Erasmus+: il programma dell’UE per i settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport

Condividi su:
Avatar photo

Elisabetta Majocchi

Elisabetta Majocchi, laureata in Informazione ed Editoria ho collaborato con testate scrivendo di cultura, costume e società. Appassionata di attualità, politica e sostenibilità, oggi scrivo per BuoneNotizie.it grazie al Laboratorio di giornalismo per diventare giornalista pubblicista.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici