Lo smart working in Italia è entrato ufficialmente nella contrattazione diretta tra lavoratore e azienda, stabilizzando una pratica che ha vissuto un’esplosione durante la pandemia. Ecco i passi da seguire per sapere come richiedere lo smart working nel corso del proprio rapporto di lavoro,

Smart working 2024: numeri e normative

Con l’aggiornamento normativo del 1° aprile, che richiama la legge n. 81/2017, l’Italia passa da una visione emergenziale a una strategia permanente di smart working. Questo cambiamento richiede nuovi accordi tra datori di lavoro e lavoratori. Prima della pandemia, lo smart working coinvolgeva 570 mila persone, mentre il lockdown ha visto un picco di 6,5 milioni di persone intente a utilizzare questa forma di lavoro. Ora, i numeri variano: circa 2 milioni nel settore privato, con prevalenza nelle grandi imprese e una crescita anche nelle PMI e nella pubblica amministrazione.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Modelli proficui del lavoro da remoto

Grandi imprese del nostro paese, come Intesa Sanpaolo e Lavazza, stanno adottando modelli di lavoro flessibili, dimostrando un interesse crescente per soluzioni che favoriscano equilibrio e produttività.

Un esempio distintivo è il modello “Flex4Future” di SACE, che offre orari flessibili e smart working strutturato. I dipendenti possono scegliere liberamente un giorno di riposo durante la settimana, mantenendo un impegno orario costante. Possono anche scegliere quando rimanere a lavorare a casa o quando farlo in azienda in modo illimitato.  Questo sistema non solo aumenta l’autonomia dei lavoratori ma migliora anche la gestione del tempo e l’efficienza produttiva.

Come negoziare questa opportunità

Per i lavoratori italiani, negoziare lo smart working richiede un approccio proattivo. Ecco come richiedere lo smart working al proprio datore di lavoro:

  • Valutare le proprie esigenze: identificare gli aspetti del lavoro flessibile importanti, come gli orari o i giorni in cui lavorare da remoto.
  • Preparare una proposta dettagliata: bisogna pensarla badando ai benefici per l’azienda, come l’aumento della produttività e la riduzione dei costi.
  • Rivolgersi al responsabile diretto o al capo del personale: esporre la domanda di smart working in un incontro formale puntando l’attenzione sui benefici della richiesta e inviando anche una comunicazione scritta.
  • Riflettere sulle motivazioni personali: calcolare il costo della vita nel luogo desiderato e i costi per l’azienda.
  • Mostrare flessibilità: trovare un compromesso che soddisfi entrambe le parti, dimostrando comprensione delle esigenze aziendali.

La legge n. 81/2017 (qui pubblicata nella gazzetta ufficiale) evidenzia tutti questi passaggi e sottolinea come la forma scritta della richiesta sia necessaria per la regolarità amministrativa del cambiamento lavorativo che si richiede.

Benefici e limiti dello smart working

Le aziende possono trarre vantaggi dall’implementazione di politiche di lavoro flessibili che tengano conto delle esigenze dei dipendenti. Le conseguenze sono evidenziate in questo articolo di Buone Notizie: aumento della soddisfazione e della produttività. La tecnologia facilita la comunicazione e la collaborazione a distanza, rendendo possibile una gestione più efficiente del lavoro da remoto.

Smart working e isolamento sociale

Tuttavia, lo smart working presenta anche limiti da considerare. Uno dei principali è l’isolamento sociale, che può insorgere a causa della riduzione delle interazioni quotidiane tra colleghi. Un altro problema è la difficoltà di separare la vita lavorativa da quella privata, poiché la mancanza di confini chiari può portare a un carico di lavoro eccessivo. Infine, la sicurezza informatica rappresenta una sfida, poiché proteggere i dati aziendali diventa più complesso quando si lavora da remoto.

In Italia, il futuro dello smart working dipende dalla capacità di adattarsi e innovare. Con una pianificazione attenta e una normativa favorevole, lo smart working può diventare uno standard, contribuendo a un equilibrio vita-lavoro ottimale e a un ambiente lavorativo più flessibile, orientato ai risultati dei team e non più alla quantità delle ore lavorate in azienda.

Condividi su:
Laura Severini

Laura Severini

Laureata in Scienze Statistiche ed Economiche all’Università di Bologna e specializzata in analisi dei dati e comunicazione digitale. Con una passione per i numeri e con la convinzione che "ogni numero racconti una storia", partecipo al laboratorio di giornalismo costruttivo, combinando analisi e narrazione, per illuminare i fatti attraverso i dati.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici