Lavoro

Pensioni:Damiano, vorrei far scendere l'età sotto i 60 anni

di 22 Gennaio 2007No Comments

“Non alzeremo l’età pensionabile, vorrei da ministro, scendere sotto i sessant’anni”. Lo afferma il ministro del Lavoro, Cesare Damiano, intervenendo alla trasmissione Domenica in. “Vorrei scendere rispetto a quei 60 anni e tenere conto del lavoro faticoso”. Il ministro poi si sofferma sulla necessità di intervenire attraverso gli ammortizzatori sociali: ”Propongo nuovi ammortizzatori e il miglioramento delle garanzie di cui hanno bisogno tutti i cittadini”. Particolare attenzione, secondo il ministro, meritano tre figure: le donne, gli studenti appena entrati nel mondo del lavoro e le persone che perdono il lavoro dopo i cinquant’anni. Persone che, afferma, ”meritano maggiori tutele”.

“Se dovessi avere un figlio? chiederei un congedo parentale”: il ministro del lavoro, Cesare Damiano ha risposto così a una domanda sul problema della conciliazione tra il lavoro e la famiglia.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Governo e sindacati concordano sul metodo da seguire per lavorare su crescita, welfare e pensioni e pubblica amministrazione. Il punto e’ stato fatto a Palazzo Chigi nel corso di una cena di lavoro che il premier Romano Prodi ha offerto ai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Epifani, Bonanni e Angeletti, presenti i suoi vice, D’Alema e Rutelli, e diversi ministri, tra cui Padoa-Schioppa, Santagata, Bersani, Ferrero e Damiano. E’ stata una riunione relativamente breve, meno di due ore, nel corso della quale e’ stata decisa la costituzione di tre tavoli di lavoro che saranno operativi tra una decina di giorni.

Condividi su:
Avatar photo

Silvio Malvolti

Ho fondato BuoneNotizie.it nel 2001 con il desiderio di ispirare le persone attraverso la visione di un mondo migliore. Nel 2004 ho costituito l'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo, che oggi gestisce questa testata: una sfida vinta e pluripremiata.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici