BuoneNotizie.it riparte da 2.0

di 16 Giugno 2010Ottobre 23rd, 2020Editoriali

Con il nuovo restyling di BuoneNotizie.it, il progetto editoriale vuole riconfermare la sua unicità nel panorama editoriale italiano. I soci dell’Associazione culturale Buone Notizie, che ne è proprietaria ed editrice, hanno fortemente voluto rilanciare questa sfida, concentrandosi questa volta sul mezzo internet. Dopo uno stop durato poco più di un anno dovuto in parte all’incertezza che ha caratterizzato tutto il comparto editoriale (crisi del modello pubblicitario, dubbi sul futuro della carta stampata e sui contenuti a pagamento on-line), e dunque alla necessità di ripensare il progetto nella sua interezza, rinasce dunque BuoneNotizie.it, ribattezzato 2.0, a partire dai valori e dagli scopi con cui l’Associazione è nata: promuovere un nuovo modello di informazione facendosi promotore degli effetti positivi che può generare una buona notizia attentamente scelta e proposta ai lettori. Questa è la nostra sfida, sicuramente ardita ma non impossibile.

Vogliamo emozionarvi e stupirvi raccontandovi i progressi della nostra società e del mondo che ci circonda e che nessuno vi racconta. Fatti ed eventi che inevitabilmente accadono intorno a noi tutti i giorni, esattamente come avviene per i fatti negativi, con cui tutti gli altri riempiono le pagine dei loro siti, giornali e notiziari per vendere più copie o fare più ascolti, facendo leva sull’istinto più recondito della mente umana attratta, come si sa, dalle “4 esse”: sangue, soldi, sesso e scandali.

Sarà proprio quel “2.0” aggiunto al nome lo strumento che intendiamo utilizzare per raggiungere un nuovo obiettivo: la vostra partecipazione e le segnalazioni che ci invierete con gli strumenti che attiveremo sul nostro sito da oggi e nei mesi a venire, a partire dai social network.

La nostra buona notizia sarete voi!

Commenta questo editoriale oppure contattaci.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

No Comments

  • Giorgio Turri ha detto:

    Sono davvero felice nel vedere che la gente di BuoneNotizie ha il coraggio di intraprendere un progetto cosi’ bello anche se contro-corrente. Tra le altre buone notizie ho appena letto un articolo presentato da Yahoo su licenza di Forbes.com che riguarda la longevita’in buona salute. Ecco il link: http://health.yahoo.net/articles/aging/how-live-be-101
    Complimenti ancora. Continuate la vostra strada senza voltarvi indietro e grazie per tutte le buone notizie.
    Giorgio Turri
    Connecticut, USA

  • Sebastiano Todero ha detto:

    Ciao Silvio e a tutta la redazione!

    Sono con voi al 100% e anzi adesso scrivo un bell’Articolo sul mio BLOG http://www.ottimismo.info per dare a tutti i miei 10.000 lettori ottimisti questa BUONA NOTIZIA!!

    Avanti tutti e ricordatevi che siete i primi e i migliori1
    Con stima e ottimismo
    Sebastiano Todero

  • Silvio Malvolti ha detto:

    Ciao Giorgio, ciao Sebastiano, grazie per l’incoraggiamento e le vostre buone notizie 🙂

    A presto!

  • Tentar non nuoce ha detto:

    Lieta del Vostro ritorno! 🙂 Anch’io vi linkerò nel mio sito! Buon Lavoro!

  • zetaraffix ha detto:

    Buongiorno!
    Vi scopro ora con grande entusiasmo… una sola richiesta/perplessità: come mai non avete una mailing list cui iscriversi per ricevere la versione del blog in formato newsletter nella posta?
    Non dovrebbe essere troppo complesso tecnicamente e permetterebbe di ricevere le notizie senza doversi necessariamente collegare al sito (un buon modo per assicurarsi distribuzione e fidelizzare gli utenti!)
    :-)))
    buon lavoro!
    raffaella

  • Silvio Malvolti ha detto:

    Ciao Zetaraffix, avevamo un servizio di newsletter che stiamo ora sostituendo con i feed rss, che stiamo mettendo a punto. Credo che rimetteremo comunque presto online anche il servizio di newsletter (ora in manutenzione) per chi preferirà questa modalità…

    Torna a trovarci così potrai iscriverti! Grazie!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.