Più spazio alle buone notizie: firma la petizione!

By 20 Novembre 2013 Editoriali

“Date più spazio alle buone notizie! Basta con i dibattiti e le inchieste incentrati solo su scandali, corruzione, sprechi e privilegi. L’Italia è piena di esempi virtuosi, fuori e dentro le Istituzioni. Date loro visibilità!” Noi di Buone Notizie cerchiamo di farlo da anni: la vita, il mondo e le persone non sono solo circondati da tragedie, crisi, criminalità e scandali, ma sono fatti anche di storie coraggiose, di gesti di straordinaria solidarietà, di innovazione tecnologica e scientifica, di sogni che si trasformano in realtà. Eppure in pochissimi ne parlano e i media, dalla stampa alla tv, seguono ancora quell’arcaica regola per cui sono gli allarmismi, la cronaca nera e il pessimismo ad attirare l’attenzione.

Siamo convinti che si possa raccontare l’attualità anche da un altro punto di vista, che si possano usare parole e immagini diverse, che si debba dare spazio anche ai lati positivi di quelle tragedie che riempiono le prime pagine dei giornali. E’ per questo motivo che, insieme a Slow Food, abbiamo raccolto la petizione lanciata dall’Associazione Comuni Virtuosi, rivolta alla RAI affinché sia dato più spazio a tutto ciò che di nuovo, positivo, innovativo, creativo e bello c’è in Italia.

C’è anche un’Italia che funziona, che lavora onestamente, che innova, che ce la fa nonostante tutto. La petizione fa leva su tutte quelle trasmissioni di inchiesta e talk show come Report, Piazza Pulita, Presa Diretta, Ballarò, Servizio Pubblico, Otto e Mezzo, Porta a Porta, che fanno indubbiamente un ottimo lavoro di denuncia, ma che trascurano sempre l’altra faccia, quella di un’Italia fatta di buona politica, spirito di servizio, onestà, trasparenza, concretezza, successi: ci sono migliaia di persone che, a tutti i livelli, istituzionali o no, lavorano e combattono con passione ed entusiasmo per costruire un futuro migliore, protagonisti di grandi gesta, ma anche di piccole azioni che fanno la differenza, e di cui nessuno ci racconta mai nulla.

Ben venga dunque il giornalismo d’inchiesta, ma perché non usarlo anche per raccontare gli esempi positivi e le storie virtuose, quelle che possono cambiare le cose e renderci orgogliosi? Perché non provare a innescare un’inversione di tendenza, un contagio, un’ondata di emozioni positive? Diventa anche tu parte di questo cambiamento: firma la petizione e invita i tuoi amici a fare altrettanto! Le buone notizie fanno bene!

 

No Comments

  • maurizio evaristo ha detto:

    Sono assolutamente d’accordo con i propositi dell’iniziativa e sostengo e supporto con tutti i mezzi legali questo modo di informare.
    Grazie

  • Debora Avolio ha detto:

    Assulutamente d’accordo con l’iniziativa che ritengo decisamente necessaria. A mio avviso però le buone notizie dovrebbero essere inserite nel telegiornale e non in una trasmissione a parte in una fascia oraria in cui nessuno le può sentire o vedere…….

  • silvana ha detto:

    Penso che guardare il mondo con attenzione voglia dire anche saper guardare quello che di buono e bello c’è senza per questo chiudere gli occhi sulla realtà. Ma abbiamo bisogno che circoli davvero anche la gioia , la bellezza, la tenerezza, la bontà che ci sono !!! Grazie per questo giornale

Leave a Reply