Pedaliamo insieme per il "Made in Italy"

Pedalare, per promuovere il Made in Italy: è con questo spirito che il 26 settembre parte da Fabriano (AN) il Made in Italy Tour, la prima manifestazione cicloturistica amatoriale che attraverserà mezza Italia per promuovere e sostenere le aziende e la produttività italiana.

Un viaggio di 4 giorni per 4 tappe: Riccione, Bologna, Parma e Milano, città d’arrivo, per un totale di 480 kilometri all’insegna della sensibilizzazione di Consumatori e Istituzioni affinché sostengano e supportino quelle Imprese che credono ancora nel nostro Paese e hanno deciso di non trasferire la propria produzione all’estero.

A Made in Italy Tour partecipano cicloamatori sostenuti da tutte quelle Aziende che vogliono far sentire la propria voce e credono fortemente che la ripresa economica del nostro Paese debba passare attraverso il sostegno e la valorizzazione del tessuto imprenditoriale italiano, patrimonio preziosissimo che rischia di andare dissipato. All’arrivo di ogni Tappa sono previste attività che renderanno il Consumatore italiano più consapevole e partecipe delle problematiche di quelle imprese che, pur tra tante difficoltà, credono ancora nel valore del “Prodotto tutto Italiano”.

Possono partecipare a Made in Italy Tour quelle Aziende che rientrano nei parametri stabiliti dall’art. 16 della legge 166/2009 “Si intende realizzato interamente in Italia il prodotto o la merce, classificabile come made in Italy ai sensi della normativa vigente, e per il quale il disegno, la progettazione, la lavorazione ed il confezionamento sono compiuti esclusivamente sul territorio italiano” oppure tutte le Aziende che sono in possesso di certificazione IT01 100% Qualità originale Italiana, rilasciata dall’istituito ITPI.

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

Leave a Reply