Adotta un equipaggio e un nuovo sorriso sarà regalato al vento

Una regata unica nel suo genere si terrà per la prima volta in Italia il 31 agosto: si tratta della manifestazione “Al vento per un sorriso” e vedrà come protagonisti dei velisti d’eccezione, i ragazzi di Divento grande ONLUS, insieme ai giovani del Circolo Le Sirene di Nettuno. Il Moro di Pomezia e Luna Grossa si sfideranno in una competizione di tipo Team Race e si svolgerà nello specchio d’acqua davanti al Circolo Velico Le Sirene a partire dalle ore 13. Una gara quindi in piena regola, ma anche un’occasione per vivere un diverso approccio verso l’autismo e chi ne è affetto, dove i ragazzi degli equipaggi avranno il compito di gestire le varie manovre sotto i comandi di timonieri esperti.

Divento grande ONLUS è nata dalla volontà di alcuni papà di ragazzi autistici di fare squadra per superare i tanti ostacoli sulla strada delle famiglie nella loro stessa situazione. L’idea della regata è partita proprio dai ragazzi durante un corso di vela. “Durante un’uscita – racconta il presidente Andrea Basciani – due derive sono arrivate contemporaneamente a virare su una delle boe del percorso e abbiamo visto che i ragazzi hanno risposto bene, addirittura con soddisfazione dopo aver lasciato indietro l’altra imbarcazione. Ci siamo confrontati con gli psicologi che hanno seguito il progetto, con gli istruttori e con i familiari e alla fine abbiamo tutti condiviso l’idea di far provare quest’esperienza ai ragazzi, che come sempre non si tirano indietro davanti a nulla. Trovare momenti ludici e di svago è importante, perché si cresce e si diventa grandi anche cosi”.

La regata è la conclusione del progetto “Estate Crescendo 2013”, che si declina nelle attività del corso di vela e nella colonia estiva, ma anche il simbolo dell’integrazione tra adolescenti. “Da tre anni – sottolinea il presidente di Divento grande –  i ragazzi del centro velico si sono messi a disposizione, escono in barca con i nostri giovani, aiutando loro coetanei in difficoltà: un esempio prezioso. Senza aver preso lauree o aver fatto formazione, sono riusciti a convivere, a fare equipaggio e lavorare insieme a loro. La regata nasce anche per ringraziarli: un giorno, quando saranno genitori come noi, capiranno l’importanza e il valore di quello che hanno fatto”.

Siamo presenti sul territorio per le diverse iniziative sociali e anche in questa occasione non ci siamo assolutamente tirati indietro”. A dichiararlo il presidente della Banca di Credito Cooperativo di Nettuno, Luciano Eufemi, uno degli sponsor della regata. “La solidarietà – ha concluso – rientra nelle caratteristiche del nostro istituto. Inoltre il sostegno a Divento Grande Onlus dura già da diversi anni”.

Per contribuire concretamente all’evento è possibile donare una quota a favore della DiventoGrande Sailing Cup per sponsorizzare uno dei due team: Moro di Pomezia e Luna Grossa. Il ricavato andrà a finanziare le attività dell’organizzazione a sostegno degli iscritti e delle loro famiglie. Con un contributo minimo di 100 euro verrà realizzata una bandiera personalizzata (con eventuali loghi e dediche indicati dallo sponsor) che sarà issata in barca dal team prescelto. Al termine della regata verrà consegnata al benefattore insieme alle foto dell’evento. Il ricavato andrà a finanziare le attività  a sostegno degli iscritti e delle loro famiglie come corsi di inglese, calcio, tennis e vela, supporto didattico domiciliare e terapia in acqua. La Onlus infatti copre il 50% dei costi dei progetti mentre l’importo restante resta a carico dei genitori. Per contributi inferiori sarà a disposizione la piattaforma di crowdfunding  Rete del dono (www.retedeldono.it).

Per adottare un equipaggio o avere informazioni sulla manifestazione potete contattare la Onlus al sito www.diventogrande.org e attraverso la mail info@diventogrande.org.

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

Leave a Reply