Si chiama Liceo TED ed è il nuovo liceo quadriennale di scienze applicate per la transizione ecologica e digitale. Il nuovo percorso di studi prenderà il via a settembre 2022; sono 27 le scuole superiori italiane che hanno aderito al progetto e 4 le università. L'obiettivo del Ministero dell'istruzione è fondere la preparazione umanistica con quella scientifica delle discipline STEM. Il mondo del lavoro, infatti, richiederà sempre di più le conoscenze e le abilità tecnico-scientifiche, anche alla luce della transizione verde. Proprio per stare al passo con le richieste delle aziende, il Liceo TED riceve il supporto delle imprese. Queste, infatti, aiuteranno a pianificare la didattica, a individuare le competenze chiave e metteranno a disposizione le loro strutture.

Il progetto nasce da Elis e Snam con il Ministero dell'istruzione. Elis è un ente che si occupa di formare, educare e inserire i giovani nel mondo del lavoro in continuo cambiamento. Elis è l'acronimo di educazione, lavoro, istruzione e sport. Infatti vuole promuovere la crescita personale dell'individuo e condurlo verso un'occupazione soddisfacente. Snam invece è una delle principali società di infrastrutture energetiche italiane.
All'origine del liceo della transizione ecologica e digitale: rigenerare le opportunità
Il Liceo TED della transizione ecologica e digitale si colloca nell'ambito del progetto RiGenerazione Scuola. In particolare fa parte del "pilastro 4", così chiamato dal Ministro dell'istruzione Patrizio Bianchi.

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

Francesca Iaquinto

Francesca Iaquinto

Laureata in Lettere Moderne alla Statale di Milano, è stata studentessa di merito presso il Collegio di Milano per 5 anni. Nel dicembre 2019 ha vinto una Borsa di Studio per la scrittura della tesi presso la Duke University (North Carolina). Attualmente è docente di scuola secondaria, proofreader e scrive per BuoneNotizie.it grazie al laboratorio di giornalismo costruttivo per diventare pubblicista.

Vuoi diventare giornalista?

Sei un aspirante pubblicista, ma non hai ancora trovato editori disposti a pagare i tuoi articoli?

Scopri di più