Se Facebook ci dice come rifare i giornali

di 3 Luglio 2010Luglio 3rd, 2015Innovazione

“Si, ma la notizia qual è?” Ricordo spesso che, nei miei primi tempi nelle redazioni periferiche d’Italia, quando trovavo una storia da raccontare e mi entusiasmavo mi veniva sempre fatta questa fatidica domanda. E io mi mettevo a raccontare per filo e per segno possibili implicazioni, racconti collegati, puntini da unire per fare una storia che ritenevo bellissima, fino a quando non mi scontravo con la realtà. La notizia, signori, prima di tutto. In questi anni ce ne siamo un po’ dimenticati: si è passato tanto tempo a discutere della velocità del web, di come adattare il giornalismo alle nuove tecnologie, di come i social network avrebbero salvato i giornali. Eppure, questo non è successo: i giornali stanno male, il giornalismo sta ancora peggio e i giornalisti si rincorrono tra gossip e crisi greche, sentenze e omicidi, piantonamento davanti alle case dei killer e marò rinchiusi in terre lontane. Eppure, in una settimana afosa di fine giugno, succede qualcosa: nella stessa settimana, delle persone a distanza di chilometri esprimono delle opinioni che, se messe insieme, sarebbero una buona summa di cosa un giornalista deve sapere se vuole fare questo mestiere adesso. Queste persone sono Jeff Jarvis, Arianna Hufington, Mark Zuckerberg … Continua a leggere →

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!