Progettazione open source: le frontiere della nuova architettura

By 4 Luglio 2015 Luglio 7th, 2015 Innovazione

C’era una volta l’architetto-demiurgo, che con il sacro furore dell’artista indicava le magnifiche e progressive sorti alla borghesia, che a lui si rivolgeva per essere trasportata nel futuro a colpi di masterplan. Per Carlo Ratti e Matthew Claudel, rispettivamente fondatore e ricercatore al Senseable City Lab del Mit, l’architetto prometeico come sdegnoso eroe romantico ha fatto il proprio tempo: altro è il modello proposto in “Architettura Open Source”, definito «un approccio inclusivo alla progettazione degli spazi».

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.