Arredamento, ovvero: come è cambiata la casa e come siamo cambiati noi

By 24 Ottobre 2018 ottobre 26th, 2018 Guest, Lifestyle

Ricordate la casa della nonna? Quella in stile anni ’50, con un lungo corridoio e le diverse stanze che si aprivano ai lati: il salotto, la cucina, il bagno, le camere. Pensare a questo schema costruttivo vuol dire automaticamente misurare le distanze tra ieri e oggi, perché oggi la casa è cambiata – molto! – così come siamo cambiati noi.

Tanto per cominciare, la tendenza all’open space ha spesso spazzato via con un colpo di spugna i vecchi, angusti corridoi. In secondo luogo se nel dopoguerra la cucina costituiva una stanza separata (il regno della donna per eccellenza), oggi le cose funzionano in modo molto diverso. La cucina tende spesso a fondersi con il living che si è conquistato a tutti gli effetti il ruolo di fulcro dell’ambiente domestico, togliendo spazio anche alla camera da letto, che si è rimpicciolita. Il bagno singolo, invece, è diventato bagno doppio e spesso e volentieri uno dei due bagni è “en suite”, accessibile – cioè – dalla camera da letto.

Al di là delle differenze strutturali, ci sono poi anche altri  aspetti che sono cambiati. In primis il fatto che sono sempre di più le persone che fanno i loro acquisti per la casa online, complice l’emergere di ottimi siti che offrono soluzioni variegate e adatte a diverse esigenze. E’ anche studiando siti come questi che si nota come è cambiato il modo di pensare la casa. Ecco 5 cose tipiche della casa di oggi:

1 – Elettrodomestici come se non ci fosse un domani

Siamo sempre più tecnologici e abbiamo sempre meno tempo, ergo… spazio agli elettrodomestici: sempre più complessi, sempre più funzionali. Buona parte dello spazio della cucina è dedicato a loro, complici i cambiamenti avvenuti nel ruolo della donna, che ha meno tempo di ieri da dedicare alla casa ma non ha affatto rinunciato a cucinare cenette sopraffine. O a farsele cucinare dal suo compagno: la cucina, infatti, oggi non è più appannaggio del gentil sesso e si apre anche alle sperimentazioni culinarie maschili

2 – Mobili componibili

Ebbene sì, le strutture fisse hanno decisamente fatto il loro tempo anche perché la casa di oggi è pensata in modo molto più fluido e meno definitivo rispetto alla casa di ieri. Basta infatti spulciare un catalogo cucine componibili per rendersi conto di quanto spazio – oggi – sia lasciato alla creatività e alle esigenze del cliente.

3 – Lampadari addio!

O meglio: addio luci esclusivamente centrali. Nella casa di oggi, il light design riveste un’importanza di primo piano. Le luci, spesso e volentieri, “disegnano” la casa nel vero senso del termine come se fossero un elemento di design aggiuntivo. Al vecchio lampadario, si affiancano quindi lampade di diverso tipo: appliques, faretti led a pavimento, illuminazione su cavi ecc…

4 – Televisori o schermi cinematografici?

Cambiamenti notevoli si registrano anche per quanto riguarda il televisore. Status symbol del secondo Dopoguerra, lo schermo televisivo ha magnetizzato e raccolto la famiglia come un vero e proprio sostituto dell’antico focolare. Oggi è in atto un’altra rivoluzione: lo schermo televisivo si è notevolmente ampliato, tanto da sconfinare quasi – a livello di percezione – nello schermo cinematografico. Così, mentre il Grande Schermo entra in crisi, il piccolo schermo continua a raccogliere intorno a sé la famiglia e gli amici… in modo diverso e più proattivo, però, grazie all’emergere delle streaming tv. I confini del mondo televisivo e della rete internet, sono ormai molto labili.

5 – Camere da letto più… leggere

Cambiamenti in corso anche per quanto riguarda la camera da letto. Lo spazio si restringe per favorire la zona living e il secondo bagno e l’arredamento si adatta: alleggerendosi, appunto. Per quanto concerne il guardaroba, il mobilio è meno “incombente” e più variegato rispetto al passato. Idem per quanto riguarda i letti, dove si diffonde a macchia d’olio la moda del futon e di linee più snelle.

 

Potrebbe interessarti anche: 

Il prestito di oggetti di valore grazie a una start-up lombarda

Condividere gli strumenti di lavoro con la sharing economy

Conto corrente online, risparmio e sicurezza garantiti

Leave a Reply