Combatti lo stress con la magia di una pausa

di 30 Luglio 2012Novembre 18th, 2020Lunedì con l'Amico Ottimista

Conosci il simbolo qui a fianco? E’ quello della “pausa” che tipicamente si trova sui riproduttori audio o video. Oggi parliamo dell’importanza di prendersi una “pausa mentale” e degli effetti positivi che può avere sullo stress, sul nostro umore e sul nostro rendimento. 

Non c’è nulla di complicato in questa potente abitudine e possiamo certamente dire che si tratta di una di quelle tantissime cose che forse tutti sanno, ma pochi fanno!

Cosa significa dunque prendersi una pausa? Significa semplicemente avere l’abitudine di interrompere per pochi minuti (talvolta bastano pochi secondi) quello che stiamo facendo per dedicarsi a… far nulla! Proprio così: far nulla sembra facile ma non lo è, perché non ci riferiamo a dormire, meditare o fare qualcosa di divertente: quello non è far nulla, quello è dormire, meditare o divertirsi. Ed è tantissimo!

La differenza tra una micro-pausa e un momento di relax o di riposo è enorme e se vuoi imparare a fare dei micro-sonni di 15 minuti puoi leggere questo divertentissimo articolo. Invece far nulla significa proprio stare fermi per qualche secondo, lasciare che la mente si svuoti di tutto e mettersi letteralmente in pausa per qualche istante. 30 secondi potrebbero essere già abbastanza! L’ideale di questa pratica semplice ma efficace è quello di inserire le nostre micro-pause in momenti opportuni, cioè quando abbiamo finito una fase del nostro lavoro e prima di iniziare quella successiva.

Puoi anche abituarti a creare delle routine di lavoro che prevedono fin da subito la presenza delle micro-pause soprattutto se si tratta di lavori con una certa ripetitività o che possono generare stress.

Ricorda bene: queste micro-pause di 30 secondi non devono essere usate per fare dell’altro… devi proprio “sforzarti” di far nulla. Dico così perché all’inizio potrebbe essere persino difficile far nulla o potresti pensare che sospendere ogni attività per così poco tempo non abbia senso e questo magari ti porta a sottovalutare i benefici dell’abitudine stessa e a trascurarla. Invece i benefici ci sono e te ne accorgerai appena inizi a praticare l’abitudine anche solamente 6/7 volte al giorno, dato che in effetti questo è il numero di pause che ti consiglio: da un minimo di 3/4 ad un massimo di 6/7 micro-pause al giorno di 30 secondi.

Dott. Sebastiano Todero

Leggi anche:

La lista “anti crisi” che può aiutarci

Elogio dell’incertezza?

Come “copiare” la felicità altrui

“Trucchi mentali” per essere più felici…

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillanti e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.