Le eco-scarpe: quando la moda rispetta l'ambiente

By 9 Agosto 2010 Curiosità, Magazine

Anche le scarpe possono rispettare la natura. E sono fatte di qualsiasi materiale: dai modelli 100% riciclabili a quelli ottenuti da buste di plastica o da materiali naturali come canapa, fibre di palma, cotone e paglia di riso. Tra le novità c’è anche la scarpa che si allunga per crescere assieme al piede del bambino che la indossa, diminuendo così anche la produzione di rifiuti. Ma le calzature amiche della natura fanno bene anche alle tasche dei consumatori proponendo prezzi competitivi e ‘pacchetti famiglia’.

Il mondo delle calzature dunque cresce e lo fa con un occhio di riguardo all’ambiente e uno alle condizioni dei lavoratori. Ci riferiamo, in particolare, al settore sportivo, più volte accusato di essere poco attento alla natura ma soprattutto alle condizioni dei lavoratori. Molto spesso in passato alcune visite in stabilimenti di famose multinazionali hanno fatto emergere situazioni che sfioravano lo sfruttamento. La produzione delle calzature sportive, infatti, si concentra nei paesi in via di sviluppo come Cina, Vietnam, Indonesia e Thailandia. Più volte le grandi aziende italiane sono state accusate di avvalersi di laboratori non sempre regolari, che di fatto tolgono commesse alle aziende a norma a vantaggio di chi opera senza rispettare le regole del sistema.

La sostenibilità delle calzature non riguarda solo il processo produttivo, ma anche quello distributivo. Soluzioni innovative che tengano in considerazione le nuove logiche legate a spazi flessibili e ‘mobili’, senza trascurare l’aspetto della produzione ‘just in time’ basata sulla piccola serie e soprattutto la sostenibilità.

Le iniziative di sensibilizzazione sono importanti ma bisogna ricordare che per attivare azioni di pressione più efficaci molto dipende anche delle scelte del consumatore, a volte un po’ distratto. Un po’ di attenzione, dunque, non solo alle ultime tendenze ma anche alle aziende che devono essere eticamente ed ecologicamente responsabili.

No Comments

Leave a Reply