Dottoressa somala ospita oltre 90.000 rifugiati

By 7 Agosto 2011 Magazine, Storie

"Mama" Hawa Abdi

Pochi giorni fa, la dottoressa Hawa Abdi – nominata “Donna dell’anno 2010” per l’instancabile impegno umanitario in favore dei rifugiati somali fuggiti da Mogadiscio a causa della guerra civile – è riuscita a realizzare quattro nuovi centri di distribuzione gratuita di cibo all’interno del campo profughi di Afgooye (città 25 km a sud-ovest di Mogadiscio), che riescono a sfamare 2.400 persone in più ogni giorno, in maggioranza bambini.

Hawa Abdi, conosciuta da tutti come “Mama Hawa”, è stata la prima donna somala a diventare ginecologo e, negli anni ’80, aveva aperto una piccola clinica in una fattoria appartenente alla sua famiglia. Quando nel 1991 scoppiò la guerra civile, cominciò ad ospitare, nei campi di sua proprietà intorno alla fattoria, i dipendenti della clinica che erano sfollati da Mogadiscio dando loro assistenza, acqua e cibo.

Campo profughi di Afgooye

Poi fece lo stesso con i loro amici, e con gli amici degli amici: in vent’anni il numero di capanne si è ingrandito a dismisura e i suoi terreni sono diventati la sede spontanea di uno dei più estesi campi profughi della Somalia, che oggi ospita oltre 90.000 sfollati – il 90% dei quali sono donne, bambini e anziani, dal momento che gli uomini o sono morti o sono all’estero a lavorare. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati stima che negli ultimi tre anni …

 Laura Pavesi

 Continua a leggere questa storia su  Shinynote.com  in collaborazione con BuoneNotizie.it*

 

Leave a Reply