In Trentino esiste una bella realtà che da anni svolge attività di “Pet Therapy”, una “terapia dolce” basata sull’interazione uomo-animale. Il paziente interagisce generalmente con cani, gatti e cavalli e – in casi particolari – anche con delfini, asinelli o altri animali domestici.

A Trento e Stenico ci sono due Centri di Pet Therapy fortemente voluti da Alain Satti (nella foto sotto), che dal 2001 svolge attività di conduttore e istruttore di Laboratori di Pet Therapy (LPT). Con il termine “Pet Therapy” s’intende una terapia che integra le terapie tradizionali destinate a pazienti affetti da patologie di vario tipo e che ha come obiettivo il miglioramento comportamentale, fisico, cognitivo, emotivo e psico-sociale del paziente.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

La Pet Therapy, quindi, non è una terapia a sé stante, ma una co-terapia che affianca una terapia tradizionale già in corso e che viene utilizzata nei casi in cui il paziente non dimostra una collaborazione spontanea. E’ ormai dimostrato che la presenza affettuosa di un animale permette di rafforzare il rapporto emotivo col paziente e di stabilire un canale di comunicazione “paziente-animale-medico”, stimolando così la partecipazione attiva anche dei pazienti più difficili. Scopo della Pet Therapy è quello di …..

 
Continua a leggere questa storia su Shinynote.com  in collaborazione con BuoneNotizie.it*

Condividi su:
Avatar photo

Laura Pavesi

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici