L’arte incontra il volontariato in 40 scatti d'autore

di 13 Dicembre 2011Ottobre 20th, 2020Cultura, Magazine

In via Dante, una delle più eleganti e frequentate arterie commerciali di Milano, fino al 20 dicembre 2011 si snoderà una mostra fotografica inedita e ricca di implicazioni. La mostra si intitola “Certi sguardi” e nasce dalla partnership fra la rivista “Vita” e due agenzie fotografiche no profit “Shoot 4 Change” e “Photo Aid”. L’obiettivo è festeggiare i vent’anni dall’approvazione della Legge Quadro sul volontariato, ma anche stimolare una riflessione sui risultati ottenuti dal ’91 ad oggi e sul futuro del Terzo Settore.

Vent’anni di volontariato. Vent’anni di un percorso lungo e tortuoso regolamentato da una legge – la 266/91 – che nel lontano 1991 costituiva una delle normative più avanzate nel contesto europeo. Oggi, ad un paio di decenni di distanza, i risultati di questo percorso sono molti e vengono riassunti, con sensibilità e vivacità, nei 40 scatti fotografici con i quali fotoreporter di diverse nazionalità hanno ritagliato variopinte istantanee di quotidianità dalla vita dei volontari.

Le immagini sono molte e diverse le une dalle altre, come diversi sono i settori in cui i volontari si sono trovati ad operare. Così come diversi sono gli “sguardi” fotografici: ci sono i coloratissimi clown che giocano con i bambini negli ospedali, c’è il bellissimo bianco e nero di una preghiera collettiva dei volontari Caritas, ci sono i volti pieni d’ombra di piccoli profughi del Bangladesh e gli occhi senza sguardo di piccoli ciechi. Un toccante “racconto per immagini”, nel quale spiccano i nomi di di fotografi di fama internazionale, italiani e non, come Antonio Amendola, Michele Cazzani e Alfons Rodriguez.

In questa ampia e variegata carrellata di immagini, sono due gli aspetti che colpiscono maggiormente: in primo luogo, la location. Per chi passeggia in via Dante in preda alla frenesia degli acquisti natalizi, è impossibile non riflettere sull’evidente antitesi tra la realtà che si affaccia dalle vetrine dei negozi e le realtà proposte dall’esposizione (tanto più che le mostre fotografiche allestite in via Dante durante il periodo natalizio proponevano, gli scorsi anni, immagini totalmente diverse e ben più scenografiche, come deserti, cascate e paesaggi mozzafiato). In questo senso, la mostra fotografica “Certi sguardi” , con le sue immagini volutamente quotidiane e talvolta semplici, si configura come un evidente “stacco” dalla realtà circostante, come uno squarcio su un mondo che costringe a riflettere.

Il secondo punto di forza della mostra milanese, è costituito dalla chiave di lettura: il sottile “filo rosso” che accomuna i diversi scatti fotografici è la filosofia che sta alla base di “Shoot 4 Change” e “Photo Aid”. Lontane anni luce da qualsiasi forma di “pietismo”, le 40 immagini della mostra offrono un colpo d’occhio ottimistico, sereno, spesso venato di affettuosa ironia nei confronti della realtà del volontariato. La mostra è una finestra aperta su un mondo in movimento, su realtà che possono e devono cambiare, anche attraverso uno scatto fotografico, come recita il motto di “Shoot 4 Change”: “Change the world with a click”.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.