Coppia di onesti senzatetto trova 8.000 euro e li consegna alla polizia

By 14 Luglio 2012 Magazine, Storie

Per tutti quelli di noi che non possiedono conti correnti milionari in Svizzera, 8.000 euro sono una bella cifra. E un sacco di soldi per Rejaniel Santos e Sandra Domingues (nella foto), una coppia di senza fissa dimora abituata a trascorrere la notte sotto i cavalcavia di San Paolo, in Brasile. Per loro, 8.000 euro in contanti erano una somma che poteva davvero cambiare una vita. E invece, Rejanel e Sandra hanno scelto di fare “la cosa giusta” e li hanno portati alla polizia, perché ne rintracciasse il legittimo proprietario.

E’ questa la storia di incredibile “onestà e correttezza” riportata, questa settimana, dai media brasiliani, che ha fatto il giro del mondo. Secondo quanto riportato dal quotidiano brasiliano “Folha de Sao Paulo”, quando Rejaniel e Sandra, qualche giorno fa, si sono imbattuti in una borsa contenente 20.000 Real brasiliani (circa 8.000 euro), hanno deciso – di comune accordo – di “fare la cosa giusta” e di consegnarli alla più vicina stazione di polizia.

La coppia ha trovato la borsa abbandonata in una stazione degli autobus di San Paolo. Ma, nonostante entrambi avessero un disperato bisogno di quei soldi, non hanno pensato neppure per un attimo di tenerseli. La storia di Rejaniel e Sandra è ancora più straordinaria se si pensa che non possiedono nulla: solo un materasso, due coperte e alcuni vestiti.

“Mia madre mi ha insegnato a non prendere mai ciò che appartiene agli altri”, ha dichiarato Rejanel a TV Globo. Ed ha aggiunto che, dal momento che ha perso di recente tutti i contatti con la sua famiglia, spera tanto che la madre lo abbia visto in TV, affinché sappia “che suo figlio è tra le persone oneste che ancora esistono a questo mondo”. 

Stando a Fox News Latino, la coppia di “onesti senzatetto” ha comunque un lavoro, anch’esso onesto: Rejanel e Sandra si guadagnano, in media, 6 euro al giorno raccogliendo, in giro per la città, tutti i rifiuti che possono essere riciclati. Dopodiché, li separano minuziosamente e li vendono. Pare, infatti, che i due si rifiutino di chiedere l’elemosina e che preferiscano di gran lunga lavorare nella “raccolta differenziata”.

La polizia di San Paolo, infine, ha identificato il legittimo proprietario del denaro a tempo di record, grazie ad alcune ricevute contenute nella borsa. Il proprietario è risultato essere un ristorante giapponese che, proprio la scorsa settimana, aveva subito un furto di denaro di importo pari a quello ritrovato. Il proprietario del ristorante non credeva ai suoi occhi quando la polizia gli ha restituito la borsa intatta e ha dichiarato alla stampa che Rejaniel e Sandra saranno da lui giustamente ricompensati per la loro onestà.

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.