A Padova un incontro su "Sostenibilità, crescita qualitativa, pensiero sistemico"

di 8 Ottobre 2013Cultura, Magazine

Con una lectio magistralis sul tema “La rete della vita. Sostenibilità, crescita qualitativa, pensiero sistemico”, il fisico austriaco Fritjof Capra,  tra i pionieri che hanno avuto il coraggio di rompere i tradizionali schemi di pensiero e guardare il mondo da prospettive nuove, sarà il protagonista del terzo incontro di Segnavie 2013, ciclo di conferenze promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per offrire momenti di approfondimento su temi di forte attualità.

Capra interpreterà  alcuni aspetti dell’attuale crisi economica, sociale e culturale alla luce dell’approccio che l’ha reso famoso nel mondo: un pensiero ecologico, dove per “ecologia” si intende non solo il cosiddetto pensiero green ma l’interconnessione profonda tra tutti gli ecosistemi, che promuove un cambiamento di paradigma culturale, per favorire l’adozione di uno stile di vita sostenibile.
Una vita per la fisica quella di Capra, affiancata da un’analisi sistematica delle implicazioni filosofiche e sociali della scienza contemporanea.

Uno studioso che ha contribuito a diffondere e approfondire il “pensiero sistemico”, secondo un approccio che trova il proprio fondamento nella teoria della complessità e che pone l’accento sulle relazioni e sui processi che danno forma a tutti i sistemi viventi (individui, società, organizzazioni, stati). Un’attività di ricerca svolta in numerose Università Europee e degli Stati Uniti. Autore di numerose pubblicazioni tra cui Il Tao della fisica (1975) un’analisi delle analogie tra le teorie della fisica moderna e le filosofie religiose orientali, best seller tradotto in oltre ventiquattro lingue.

 

Io credo che la concezione del mondo implicita nella fisica moderna sia incompatibile con la nostra attuale società, la quale non riflette l’armonioso interrelarsi delle cose che osserviamo in natura. Per raggiungere un tale stato di equilibrio dinamico sarà necessaria una struttura economica e sociale radicalmente differente: una rivoluzione culturale nel vero senso della parola. La sopravvivenza della nostra intera civiltà può dipendere dalla nostra capacità di effettuare un simile cambiamento.

Tratto da Il tao della fisica

 

Nel 1995 ha contribuito a fondare il Center for Ecoliteracy a Berkeley, nato per promuovere progetti di “ecoalfabetizzazione” finalizzati a diffondere questo particolare approccio, da alcuni definito anche olisticoIl suo ultimo lavoro è L’anima di Leonardo (2012), una rivisitazione della scienza del genio italiano alla luce della teoria dei sistemi e della complessità.
L’appuntamento è 15 ottobre 2013 alle 17.45 a Padova presso il Centro Culturale San Gaetano – Agorà.

www.segnavie.it.

Info: e-mail info@segnavie.it

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.