Un cittadino dotato di forte senso civico ha prestato la sua bicicletta ad un poliziotto che stava inseguendo un malvivente e, così facendo, gli ha permesso di raggiungerlo ed arrestarlo. Ma se pensate che questa storia inconsueta circostanza sia accaduta in qualche cittadina degli Stati Uniti, vi sbagliate di grosso.

Questo singolare episodio ha come protagonista un nostro connazionale che vive a Bologna: è grazie al suo senso civico che un malvivente in fuga, che stava per far perdere le sue tracce, è stato assicurato alla giustizia.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Qualche giorno fa, una pattuglia della Polizia aveva notato un paio di spacciatori che si aggiravano in modo sospetto nel quartiere San Donato a Bologna. Uno dei due pusher, alla vista dei poliziotti, è scappato a piedi facendo subito perdere le tracce, mentre l’altro ha cercato di dileguarsi in sella ad una bicicletta.

A questo punto, uno dei poliziotti è sceso dall’auto ed ha cominciato ad inseguirlo correndo. Dopo qualche minuto, però, il malvivente aveva cominciato a distanziarlo e stava quasi per volatilizzarsi, quando un passante, con grande prontezza di riflessi, è sceso dalla sua bicicletta e l’ha prestata al poliziotto.

Il pusher è stato, quindi, facilmente raggiunto e bloccato: si tratta di un magrebino di 23 anni, che aveva addosso circa 3 grammi di eroina ed è stato arrestato.

Non c’è che dire, una storia che ha avuto un lieto fine, grazie al senso civico di questo cittadino bolognese, che si è dimostrato quanto mai provvidenziale.

Condividi su:
Avatar photo

BuoneNotizie.it

Dal 2001, BuoneNotizie.it raccoglie e pubblica notizie positive e costruttive per farti riscoprire il piacere di essere informati. Crea la tua dieta mediatica e scopri cos'è il giornalismo costruttivo.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici