Una ragazza di Rieti, che si era gettata nelle acque del fiume Velino, è stata salvata dal provvidenziale intervento di un poliziotto eroe, che non ha esitato a tuffarsi nelle acque gelide e riportarla a riva.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

L’episodio a lieto fine è avvenuto lo scorso fine settimana quando una 17enne di Rieti, dopo un litigio familiare, si è recata sul ponte Giovanni XXIII con l’intenzione di compiere un gesto estremo.

Era da poco passato mezzogiorno, quando due agenti della Polizia di Stato che stavano transitando sul ponte, hanno assistito alla scena e hanno deciso di intervenire. Il sovrintendente Giancarlo Pacifici (nella foto sotto) non ha avuto alcuna esitazione e si è immediatamente tuffato.

Pacifici2Il suo gesto, che possiamo definire eroico, ha permesso di salvare la vita alla ragazza, della quale non sono state rese note le generalità. La 17enne, subito soccorsa con l’ausilio di coperte termiche e portata all’ospedale dal 118, ha sofferto di uno stato iniziale di ipotermia, ma ora sta bene.

Pacifici, che ha accusato gli stessi sintomi di ipotermia, ha raccontato alla stampa locale: L’ho salvata, l’ho salvata! L’ho vista gettarsi nel fiume e non ci ho pensato un attimo. Ora sono in ospedale, mi fanno male le gambe, ma sto bene”. 

Il sovrintendente Pacifici non è nuovo a gesti tanto coraggiosi: qualche anno fa, infatti, si era già tuffato nel fiume Velino per salvare a vita ad un uomo.

Anche il sindaco di Rieti, Simone Petrangeli, ha voluto complimentarsi col poliziotto-eroe, a nome dell’amministrazione comunale e dell’intera città. Ma Pacifici ha commentato il suo gesto con grande semplicità e umiltà:“Non sono un eroe, ho fatto il mio lavoro e ne sono orgoglioso”. 

Condividi su:
Avatar photo

BuoneNotizie.it

Dal 2001, BuoneNotizie.it raccoglie e pubblica notizie positive e costruttive per farti riscoprire il piacere di essere informati. Crea la tua dieta mediatica e scopri cos'è il giornalismo costruttivo.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici