Chieti: da parrucchiere a Babbo Natale, con un sacco pieno di cibo

By 6 Dicembre 2013 Magazine, Storie

Con l’avvicinarsi delle festività natalizie, si moltiplicano le raccolte fondi, le lotterie e le donazioni a scopo benefico, ma la trovata di un parrucchiere abruzzese è alquanto originale. Massimo Casimiro, titolare di un negozio a San Salvo (Chieti), ha deciso di allestire, all’interno del suo spazio, una vera e propria colletta alimentare dove raccoglie cibi che, alla vigilia di Natale, distribuirà personalmente alle famiglie in difficoltà. Massimo ha sistemato un sacco all’interno del suo locale ed ha invitato tutti i suoi clienti, e non, a donare alimenti confezionati – rigorosamente integri – quali ad es. pasta, riso, biscotti.

L’obiettivo è duplice: consegnare, proprio alla vigilia di Natale, alimenti di prima necessità (pasta, latte, sugo, ecc) alle persone più bisognose della sua zona e riuscire ad organizzare un pranzo aperto anche a tutti coloro che vivono da soli, in modo che possano trascorrere il Natale in compagnia.

Massimo4“Il periodo è difficile per tutti. Ma ci sono famiglie che vivono più di una difficoltà”, ha spiegato Massimo. “Conosco persone che, purtroppo riescono, a malapena a mangiare ogni giorno, figurarsi se possono permettersi il cenone natalizio. E magari trascorrono il Natale da sole”.

“Conoscendo la generosità dei sansalvesi sono sicuro che accoglieranno la mia proposta con entusiasmo. Anche un solo sacchetto di legumi può aiutare tante famiglie a trascorrere un Natale più sereno”.

“Non è necessario essere miei clienti per collaborare”, ha concluso Massimo, “Chiunque può passare dal negozio e offrire ciò che ha. So perfettamente che il mio è un piccolo gesto, ma se siamo tanti può diventare più grande e far trascorrere un Natale meno triste a tante persone”.

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

Leave a Reply