Take good care Amazon: il colosso acquisisce la startup italo-americana GoPago

di 13 Dicembre 2013Magazine

Due anni fa il lancio sul mercato e oggi l’acquisizione da parte del colosso dell’e-commerce Amazon: questa l’incredibile ascesa di GoPago, startup fondata e diretta da un gruppo di italiani, che ha elaborato un innovativo sistema che permette di saltare le code alla cassa nei bar, saloni di bellezza, tintorie, concerti, potendo ordinare e pagare direttamente dal proprio smartphone.

Comodità, rapidità e tecnologia: tre chiavi di successo nate quasi per caso. L’idea è venuta ai fondatori, Leo Rocco e Vincenzo Di Nicola, durante una partita di baseball. “Eravamo a San Francisco, allo stadio dei Giants, e stavamo guardando una partita di baseball contro i Washington Nationals. – racconta in un’intervista del 2011 al Corriere della Sera Di Nicola – Ahimè finiscono le birre e Leo si alza per ordinarle. Poco dopo, l’urlo della folla: Barry Bonds aveva appena battuto il record sacro di homerun segnati nella storia del baseball Americano. E lui se lo era perso…”

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Dalla delusione (e arrabbiatura) di essersi perso un momento storico del baseball ecco che scatta l’idea nella mente di questi due giovani, che in America stavano studiando e lavorando per due colossi come Microsoft e IBM.  Non solo italianità al timone, ma anche ai remi: il team di sviluppo software è fatto dai ingegneri dei Bel Paese, in parte trasferiti in California, in parte rimasti qui a lavorare da remoto.

Ma come funziona GoPago? Lo spiega Di Nicola in questa intervista rilasciata a Italiani di Frontiera nel 2011:

La notizia dell’acquisizione della startup italo-americana è del 12 dicembre, giorno in cui Vincenzo Di Nicola, ha scritto su Facebook: “Take good care Amazon”, una frase che racchiude tutta la soddisfazione del successo raggiunto, ma anche quella malinconia di lasciare andare una creatura che si ha fatta nascere e crescere, per permetterle di intraprendere una nuova vita.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!