L’Unione europea che va verso le elezioni del 2024 è un’istituzione che ha mostrato chiaramente l’importanza dei suoi programmi europei per i giovani. Basti pensare che il programma di politiche per i cittadini europei del futuro va dal 2019 al 2027, come dichiara il sito istituzionale europeo Youth Portal, attraversando più legislature.

L’impegno dell’Unione europea per le nuove generazioni di cittadini si è sviluppato attraverso progetti, fondi, strategie ed eventi come la Settimana europea della gioventù. Una serie di iniziative cresciute negli anni che sono destinate a strutturarsi e a rendere più efficace l’impatto che l’Europa vuole avere sui cittadini di domani. Programmi come EURES, Erasmus+, EU Youth Dialogue e DiscoverEU illustrano bene la diversità e la ricchezza delle opportunità offerte dall’UE.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Le azioni su lavoro e formazione

Tra le iniziative più significative figura il progetto EURES, la rete europea dei servizi per l’impiego. EURES facilita l’accesso al lavoro in Europa, offrendo orientamento e informazioni sulle condizioni di vita e lavoro nei vari paesi. Il portale online e gli eventi di reclutamento aiutano i giovani a scoprire opportunità di lavoro oltre i loro confini nazionali. Il progetto fa diventare realtà per molti la libera circolazione dei lavoratori nel continente,

Il progetto Erasmus+ è probabilmente il programma più noto e ha una portata che va ben oltre gli scambi universitari. Offre formazione e volontariato in Europa e all’estero, aiuta i giovani a sviluppare competenze internazionali, migliorando le loro prospettive future. Erasmus+ è più di un’esperienza educativa, un trampolino per la carriera futura. La cultura e la formazione restano temi centrali, nei programmi europei per i giovani, così come lo è perfino la lettura sulla quale l’Unione europea è molto attiva.

L’Unione europea dialoga coi giovani

Il Dialogo UE, nome ufficiale del progetto EU Youth Dialogue, è un esempio di come l’UE si sforzi di includere i giovani nel processo decisionale. Attraverso un ciclo di consultazioni che si svolge ogni 18 mesi, i giovani hanno l’opportunità di esprimere le loro opinioni e influenzare le politiche che li riguardano direttamente.

Per far viaggiare i giovani è stato varato DiscoverEU che permette ai giovani di 18 anni di spostarsi gratuitamente attraverso l’Europa. Obiettivo: consentire ai partecipanti di esplorare la diversità culturale del continente, accrescendo la loro indipendenza e arricchendo le loro competenze trasversali, come la capacità di adattamento e la comprensione interculturale.

Il futuro è adesso e parla di sostenibilità

In questo periodo elettorale, la Commissione europea, organo esecutivo dell’Unione europea, sta delineando nuove direttive per rafforzare l’impegno giovanile nelle politiche dell’Unione. Le prossime iniziative, come sottolinea Youth Portal, si concentreranno sull’incremento della partecipazione dei giovani nel processo decisionale e nell’espansione delle loro opportunità in settori critici come l’istruzione, l’occupazione, la salute e la sostenibilità ambientale.

Un elemento chiave, nei programmi europei per i giovani che arriveranno, sarà la “verifica nell’ottica dei giovani”, che assicurerà che le nuove politiche considerino specificamente le aspettative e gli impatti sui giovani. Inoltre, l’UE intensificherà i dialoghi con i giovani, incorporando questi incontri regolari nel suo programma di lavoro per garantire che le voci giovanili siano ascoltate costantemente.

Le nuove direttive includeranno anche strategie per affrontare tematiche urgenti per i giovani: sostenibilità, lavoro, formazione, partecipazione politica, integrazione. Il rapporto dell’Unione europea con i suoi euro cittadini di domani è già cominciato.

Condividi su:
Laura Severini

Laura Severini

Laureata in Scienze Statistiche ed Economiche all’Università di Bologna e specializzata in analisi dei dati e comunicazione digitale. Con una passione per i numeri e con la convinzione che "ogni numero racconti una storia", partecipo al laboratorio di giornalismo costruttivo, combinando analisi e narrazione, per illuminare i fatti attraverso i dati.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici