Settembre è da sempre il mese della ripartenza. Riaprono le scuole, si torna a lavoro, si ricominciano le diete, si torna in palestra e si contano i giorni che mancano a Natale. Non è sempre facile rientrare dalle vacanze e riprendere immediatamente la routine ma alcuni consigli utili e facili da seguire possono facilitare la ripresa.

Dalla post vacation blues alla Sindrome di Wanderlust, molti sono i disagi che colpiscono chi rientra, trascinato dalla routine in un senso di malinconia per quel benessere lasciato alle spalle. Ma un giusto approccio può alleviare di molto le fatiche del ritorno, cullandoci ancora per un po’, in quello stato di benessere assaporato durante il nostro viaggio.

Trauma da rientro vacanze: un disturbo riconosciuto dagli esperti

Le vacanze prima o poi hanno una fine. Concentrare esperienze e momenti felici in un breve lasso di tempo, sapientemente preparati da mesi e mesi, fa si che, una volta giunti al termine, provochi una sorta di malinconia e malessere riconosciuto anche dagli psicologi come post vacation blues.

Difficoltà di concentrazione, sbalzi di umore, ansia, disturbi del sonno, affaticamento e irritabilità. Questi sintomi colpiscono, secondo i dati Istat, un italiano su dieci che rientra dal suo periodo di pausa rendendo difficile la ripresa della normale routine.

Non c’è da allarmarsi però, gli esperti assicurano che col tempo questa sensazione di malessere passa da sola, a meno che non si soffra della sindrome di Wanderlust: qui è tutta un’altra storia.
Questa malattia colpisce il 20% della popolazione mondiale e riguarda quei viaggiatori instancabili che al rientro da un viaggio già scalpitano per quello dopo. La causa sta nel DNA di coloro che ne soffrono.

La particella incriminata, infatti, è il gene del viaggiatore, ovvero il recettore della dopamina del cervello che da DRD4 mutua in DRD4-7R causando curiosità e attrazione per tutto ciò che è esotico e sconosciuto.

I 4 buoni propositi per la ripartenza da rientro

Rientro. Pexels

Pexels

Al rientro, la normale ansia nell’affrontare tutto ciò che abbiamo rimandato a settembre si aggiunge alla ritrovata monotonia della quotidianità riportandoci, così, a quella routine che ci fa sentire alienati, sopraffatti e frustrati.

Cullarsi in uno stato di malinconia sarà solamente controproducente, quindi prima si agisce e prima si potrà stare meglio. Per facilitare la ripartenza si possono seguire quattro semplici regole:

  1. Riprendere gradualmente gli impegni. Il rientro a lavoro sarà un’appuntamento al quale sarà inevitabile sottrarsi, ma per tutto il resto è importante cercare di organizzare le giornate. Pianificando poco alla volta la vita di tutti i giorni non si avrà l’impatto traumatico della routine, evitando quella sensazione di essere sopraffatti da una montagna di cose da fare.
  2. Creare uno spazio dei ricordi. Dal latino re-cordari (da cor, cordis), cioè riportare al cuore, stampare le fotografia della vacanza appena trascorsa e creare un album di ricordi, aiuterà a gioire di quello che è stato rivivendo i momenti felici metabolizzando con serenità la fine di quel viaggio.
  3. Regalarsi dei momenti di relax. Continuare a coccolarsi può risultare strategico al fine di affrontare la vita con meno stress. Se si è provata una nuova attività durante il nostro soggiorno, perché non proiettarla nella vita di tutti i giorni? Risveglio muscolare, paddle, tennis, passeggiate, yoga, lettura di romanzi, escursioni fuori porta o anche semplicemente provare a riproporre a casa una cucina tipica a noi sconosciuta fino a quel momento, provata, magari, durante il soggiorno. La vacanza, a volte, è solo uno stato mentale!
  4. Sognare un nuovo viaggio. Organizzare una nuova vacanza, magari invernale, ci riporta immediatamente a uno stato di benessere. Investire qualche energia in un nuovo progetto ci farà nuovamente evadere, anche se solo con la mente. In questo modo si porterà il mood della vacanza nella nostra quotidianità, anche se è importante ricordare che se abbiamo trovato benessere nel nostro viaggio, abbiamo tutte le potenzialità per ritrovarlo tutto l’anno.

 

Laura Corona

Laura Corona

Aspirante giornalista laureata in Lettere. Scrivo di Cultura e Lifestyle collaborando con BuoneNotizie.it, grazie al laboratorio di giornalismo per diventare giornalista pubblicista

Vuoi diventare giornalista?

Sei un aspirante pubblicista, ma non hai ancora trovato editori disposti a pagare i tuoi articoli?

Scopri di più