Difficile, al giorno d’oggi, immaginarsi Milano senza la sagoma del Castello Sforzesco: un po’come sarebbe difficile visualizzare Milano senza il Duomo; eppure è un dato di fatto che – in un passato nemmeno tanto remoto – la città abbia rischiato di non sapere nemmeno cosa fosse il suo castello. Oggi, a distanza di poco più di un secolo dal geniale restauro che lo restituì ai Milanesi, il Castello Sforzesco rende omaggio a Luca Beltrami, l’architetto che lo salvò dall’oblio, attraverso una mostra eclettica come il personaggio che illustra.

Sembra strano pensare al Castello Sforzesco come a una vecchia caserma diroccata e fatiscente, che non conserva neanche il fascino del vecchio maniero, eppure questo è ciò che l’antica dimora degli Sforza era diventata negli anni: un relitto del passato che non conservava più memoria degli antichi fasti. Fu solo attraverso l’appassionata battaglia politica di Luca Beltrami (un giovane architetto che si era già distinto a Parigi nella ricostruzione dell’Hotel de Ville dopo i fatti della Comune), che il Castello poté tornare all’immagine del passato divenendo inoltre sede dei musei civici milanesi. Oggi, a un secolo di distanza dal clamoroso restauro del 1893-1911, Milano rende omaggio a Luca Beltrami attraverso la mostra “Luca Beltrami: storia, arte e architettura a Milano”. “Questa mostra è il primo grande e riconoscente omaggio che Milano dedica a una delle grandi personalità che hanno fatto la sua storia. – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno – Un progetto inserito a pieno titolo nel programma della ‘Primavera di Milano’, la stagione culturale costruita proprio per rappresentare quella capacità di rinascita e forza creativa che è propria di questa città

L’attenzione dedicata a Beltrami e al salvataggio del Castello Sforzesco, richiama anche un’altra tematica: l’importanza dei circuiti museali all’interno dell’ampio panorama del turismo artistico italiano. Dire Italia significa però non solo dire musei, ma anche code e lunghe file per visitare mostre e collezioni permanenti. È proprio in quest’ambito che ha deciso di muoversi Musement.com. La startup, che a ottobre ha raccolto 690000 euro di finanziamenti, si propone come una hub del turismo culturale, offrendo una piattaforma in cui è possibile prenotare in modo agevolato e a prezzi scontati ingressi a musei e biglietti per i musei e i teatri. L’obiettivo? Tagliare le code ottimizzando i tempi oltre che le risorse economiche.

Ecco un altro articolo che potrebbe interessarti:

I Musei sfidano la crisi, aumentano i visitatori di quelli statali nel 2013

Martina Fragale

Martina Fragale

Sono giornalista pubblicista dal 2013 grazie alla collaborazione con BuoneNotizie.it, di cui oggi sono direttore responsabile. Ho studiato giornalismo costruttivo in diversi contesti internazionali e attualmente sono docente di questa materia per l'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo. Oltre ad aver approfondito il tema delle fake news e del debunking in diverse conferenze, le mie aree di specializzazione sono i temi relativi all'Artico e ai cambiamenti climatici.

Vuoi diventare giornalista?

Sei un aspirante pubblicista, ma non hai ancora trovato editori disposti a pagare i tuoi articoli?

Scopri di più

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.