Nuovo conto corrente: difficile scelta!

By 11 Febbraio 2016 Agosto 2nd, 2016 Guest

Possedere un conto corrente è ormai diventata una necessità, soprattutto ora che il Governo, sotto la pressione delle linee guida europee, ha introdotto nuove misure finalizzate ad incentivare il pagamento attraverso bancomat e carte di credito. Le proposte a disposizione sono numerose, così come le offerte promozionali reclamizzate dalle banche e dagli istituti di credito. Ma quale tipo di conto scegliere? Come risparmiare? E in basi a quali punti di riferimento orientarsi, al fine di trovare la soluzione più idonea al proprio profilo?

Al momento della decisione di aprire un conto, è opportuno riflettere in base a particolari criteri, che consentiranno di risparmiare sulle spese. Chi effettua numerosi bonifici o richiede vari accreditamenti bancari, utilizzando spesso la carta di credito, potrà avvalersi di un conto a canone fisso con incluse le operatività avanzate: se da una parte è vero che questi servizi non saranno messi a disposizione in forma gratuita, dall’altra parte si avrà la garanzia di poter usufruire di funzioni efficienti abbinate ad un’assistenza di buon livello da parte dell’istituto bancario.

Chi invece non necessità di particolari servizi, potrà optare per conti correnti a canone ridotto, valutando anche l’opzione di un conto da gestire esclusivamente online a zero spese, tramite le operatività di home-banking. In questo caso, si potranno effettuare delle operazioni di base, si disporrà generalmente di una carta di credito (per quanto essenziale) e si potrà prelevare contante dagli sportelli ATM, a volte senza incorrere in costi di commissione ritirando denaro da bancomat appartenenti ad altre banche. Questa soluzione si rivela adatta a studenti e giovani che ancora non possiedono un lavoro fisso, ma che necessitano di una carta e di un conto per le transazioni online.

Per rendersi conto è importante confrontare le varie opzioni, servitevi quindi di canali come Facile.it che permette di scegliere il conto corrente a zero spese più adatto alle tue esigenze; da tenere presente anche come e quanto spesso sarà utilizzato, sulla necessità o meno di abbinarlo ad una carta di credito (in alternativa, si potrà optare per una semplice carta di debito, o bancomat, più economica o gratuita) e sulle funzioni aggiuntive di cui si potrà aver bisogno. Chiarendo queste idee, si potranno calibrare meglio le aspettative evitando di sprecare soldi e massimizzando il risparmio. Dati statistici dimostrano infatti che un gran numero di utenti italiani paga un canone proporzionalmente elevato in rapporto all’effettivo uso del conto, le cui funzioni risultano così sotto-utilizzate.

Preziosi alleati nell’individuazione delle scelte più vantaggiose sono i portali di comparazione delle tariffe, che presentano le offerte aggiornate degli istituti di credito e consentono un confronto dei loro costi e dei servizi proposti. Inserendo nel motore di ricerca i parametri desiderati, si potranno valutare le diverse soluzioni, al fine di scegliere la migliore.

Leave a Reply