L’elisir di lunga vita, probabilmente, resterà ancora per tanti anni una chimera, ma un corretto regime alimentare, come noto, può contrastare l’avanzare delle stagioni e preservare la giovinezza del nostro corpo. Ne sa qualcosa Cristiano Ronaldo, il campione della Juventus che in carriera ha disputato quasi 900 partite ufficiali in tutte le competizioni, giocando per 19 stagioni con le maglie dello Sporting Lisbona, Manchester United, Real Madrid e, ovviamente, con la Vecchia Signora.

Alla veneranda età di 35 anni, il campione lusitano è in uno stato di forma invidiabile e capace di tenere testa ad avversari molto più giovani di lui. Il portoghese in carriera ha vinto tanto sia a livello di squadre di club che con la propria nazionale; ma, soprattutto, ha segnato tantissimo, tanto da scalzare il mito Pelé al terzo posto della classifica dei gol fatti in incontri ufficiali in carriera.

CR7 è passato a giocare con i campioni d’Italia nella stagione 2018/2019 per la cifra di 100 milioni di euro ed un contratto di quattro anni. Nella sua prima stagione in bianconero ha messo a segno 28 gol in tutte le competizioni; nella seconda invece, ha fatto molto meglio, realizzando 37 gol.

Cosa e quanto magia un campione come CR7?

Ma dietro questi risultati c’è un lavoro durissimo, fatto di tante e rigidissime regole da seguire, dalla dieta agli allenamenti. Insomma, Cristiano Ronaldo segue uno stile di vita quasi militaresco, fatto di orari e scadenze da rispettare, sacrificio e tanto sudore in palestra. Il campione portoghese mangia fino a sei volte al giorno, con i piatti a base di pesce che compongono una parte fondamentale del suo regime alimentare.

Il pesce spada, il tonno e il merluzzo brasato sono tra le sue pietanze preferite. Inoltre, l’ex United considera il pollo quasi “magico”, grazie al suo alto contenuto di proteine e ai pochi grassi in esso contenuti. A colazione l’attaccante della Juventus mangia solitamente prosciutto, formaggi (non grassi) e yogurt magro. Come break mattutino, spuntini a base di frutta (e tanto avocado). A pranzo alterna pollo ed insalata al pesce (con uova e olive).

Cinque pisolini al giorno.

La cena è la parte più importante del regime alimentare del campione lusitano. Tra i suoi piatti preferiti troviamo la bistecca, il pesce spada o il Bacalhau à Brás, tipica ricetta portoghese i cui ingredienti sono il baccalà (ma anche da merluzzo), le cipolle, le patate e le uova strapazzate. Questo piatto accompagnerà il giocatore fino all’ora del riposo notturno che durerà non meno di otto ore (al netto dei cinque riposini di quasi un’ora che si concede durante l’arco della giornata).

Parlando proprio del riposo notturno, il fuoriclasse di Funchal ha sempre sottolineato come dormire adeguatamente è importantissimo per ottenere il massimo dagli allenamenti e dalle partite. “Vado a letto presto e mi alzo presto, soprattutto prima delle partite – ha riferito Ronaldo – Il sonno aiuta i muscoli a recuperare, il che è davvero importante”.

Ronaldo e l’amore per il nuoto.

Ovviamente la palestra e l’esercizio fisico rivestono una parte fondamentale della giornata tipo di CR7, così come si può notare dalla sua incredibile definizione dei tessuti muscolari e dalla sua grande capacità di recuperare da un infortunio. Ronaldo pratica tanto pilates e fa tanti esercizi di resistenza. È anche un grande appassionato del nuoto e spesso si rilassa in una delle sue piscine con il figlio Cristiano Jr.

Inoltre, il cinque volte Pallone d’Oro, ormai da anni, si affida alla camera criogenica (l’ultima acquistata per la casa di Torino è costata quasi centomila euro) per lenire le fatiche e i colpi subiti in ogni partita. Il funzionamento di questa terapia davvero singolare è semplice: il campione portoghese deve restare in piedi per tre minuti in questo contenitore e farsi inondare da azoto liquido a temperature che possono arrivare anche fino a -150 gradi celsius. La crioterapia, infatti, attraverso una fase di vasocostrizione iniziale riduce il gonfiore muscolare, alleviando i dolori, le infiammazioni e le distorsioni.

La famiglia prima di tutto.

La serenità mentale del campione è alla base dei suoi successi. Ronaldo trascorre ogni minuto del suo tempo libero in compagnia dei figli e degli amici. L’ultimo segreto che si nasconde dietro l’eccezionale condizione fisica del portoghese è la totale assenza di alcol nella sua vita. CR7 non tocca una goccia di vino, birra, champagne o altro alcolico dal 2005, non solo a causa degli effetti negativi che questi potrebbero avere sulla sua dieta, ma anche e soprattutto perché l’alcol è stata una delle cause che, anni addietro, portarono alla prematura morte del padre.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!