Salute & Benessere

Aids in Italia, salvate in un anno 432 vite

di 20 Aprile 2008No Comments

L’ultimo rapporto sull’AIDS racconta che nell’ultimo anno in Italia sono state salvate 432 vite. Calano i casi di malattia: erano stati 1573 nel 2006, sono stati 1141 nel 2007. "Nella geografia dell'Aids in Italia – dice Fernando Aiuti, ematologo e presidente dell’Anlaids nazionale - il calo dei casi di Aids rappresenta un'inversione di tendenza rispetto al 2006 e ci deve convincere ad andare avanti. L'Aids fa ancora paura". Nel 2007 in Italia, secondo l'ultimo rapporto del Centro Operativo Aids dell'Istituto Superiore di Sanit�, i nuovi casi di Aids sono stati 1141, meno di quelli dell'anno precedente (1573). Un calo in tutte le regioni meno in Puglia e in Umbria (dove c'� una crescita) e in Molise e in Sardegna (dove la situazione � stazionaria). Dei 56076 casi notificati al COA dal 1982 al 31 dicembre 2007 il 77,6% erano di sesso maschile (43495 casi); l'1,3% in et� pediatrica o con infezione trasmessa da madre a figlio (746 casi) e il 6,8% erano stranieri (3797 casi). Al 31 dicembre 2007 risultano deceduti 34757 pazienti. Le regioni pi� colpite sono la Lombardia, l'Emilia Romagna, la Liguria e l'Umbria. Le uniche province in Italia che non hanno fatto registrare casi di Aids nel 2007 sono Belluno, Rieti, Gorizia, Salerno e Matera. L'et� media della diagnosi di Aids, calcolata per gli adulti, � aumentata sia tra i maschi che tra le femmine. Infatti, se nel 1985 l'et� media era di 29 anni per i maschi e 24 per le femmine, nel 2007 si � passati rispettivamente a 41 e 38 anni. La distribuzione dei casi di adulti per anno di diagnosi e categoria di esposizione evidenzia come il 58,4% del totale dei casi sia attribuibile . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.