Influenza A: all’Ospedale Cotugno di Napoli un paziente migliora grazie ad una tecnica mininvasiva

Ricoverato da sabato scorso all’Ospedale Cotugno di Napoli per una grave complicanza polmonare da virus A/H1N1, un paziente di circa 50 anni è migliorato dopo essere stato sottoposto per tre giorni consecutivi ad un trattamento che ha ridotto drasticamente lo stress a carico del suo sistema respiratorio. Il paziente aveva una broncopolmonite bilaterale grave con accumulo di anidride carbonica nel sangue, complicanza dell’influenza A.

“Ne è venuto fuori – spiega il Dottor Raffaele Pelella, capo dell’Unità Operativa di Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva dell’ospedale napoletano – anche grazie a un trattamento, collaterale ad altre importanti cure, basato sul sistema ‘decap’, tecnica mininvasiva e di facile gestione, in grado di eliminare dal sangue l’eccesso di anidride carbonica”.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Si tratta di una metodica mininvasiva, tutta italiana, che consente la rimozione extracorporea dell’anidride carbonica con una tecnica di facile gestione, la cui efficacia è conclamata e che non presenta alcun rischio per il paziente. Il Decap è l’alternativa mininvasiva all’Ecmo (Extra Corporeal Membrane Oxygenation), metodo anch’esso utilizzato per far fronte alle gravi complicazioni polmonari a carico di persone colpite dalla nuova influenza, ma molto più invasivo e di difficile impiego, riservato a pochi centri superspecializzati. “Il sistema Ecmo ha la funzione – afferma il Dottor Pelella – di ossigenare i polmoni che da soli non ce la fanno. Decap invece, di uso molto più semplice, si limita a eliminare l’anidride carbonica in eccesso che i polmoni, pur riuscendo a ossigenarsi, non riescono a eliminare. Grazie ad esso, il paziente cinquantenne con broncopolmonite bilaterale grave ce l’ha fatta e ha ripreso a respirare con i suoi polmoni”.

La metodica è inoltre applicata nel trattamento delle broncopatie croniche ostruttive (BPCO), nei casi di Insufficienza Multiorgano (MODS – Multiple Organe Distress Syndrome), nel Bridge al Trapianto polmonare. Il sistema decap è presente in molti ospedali italiani e può trovare valido impiego nel trattamento delle complicanze da influenza A/H1N1.

 

Sistema Decap - funzionamento

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!