La felicità è femmina. Scoperto il gene: esiste solo nelle donne

By 2 Settembre 2012 Benessere

Una nuova ricerca americana ha identificato, per la prima volta, il gene responsabile della felicità: si chiama MAOA, ma è presente solo nelle donne. Lo stesso gene, infatti, è totalmente assente negli uomini. Questo potrebbe spiegare come mai, secondo i ricercatori, spesso gli uomini sono più tristi delle donne.

Gli scienziati della “South Florida University” hanno identificato il legame tra uno specifico gene, denominato Monoamine Assidasi A (MAOA), con le reazioni del cervello alla dopamina ed alla serotonina, sostanze chimiche connesse con gli stati d’animo positivi, come l’allegria, la serenità e la felicità.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Progress in Neuro-psychopharmacology and biological psychiatry” del mese di agosto. Lo studio ha analizzato il DNA di 193 donne e 152 uomini, approfondendo la presenza del gene MAOA in rapporto allo stato d’animo.

“Una bassa espressione del gene MAOA è correlata con stati d’animo sereni, un’alta espressione, invece, è connessa con stati negativi come l’alcolismo, e comportamenti aggressivi e antisociali”, spiega Henian Chen, a capo dell’indagine al Dipartimento di epidemiologia e biostatistica dell’università americana. Negli uomini tale correlazione è, invece, del tutto assente. Probabilmente, ci sono altri meccanismi neurologici ancora ignoti, ma comunque diversi, per il cervello maschile”.

I ricercatori hanno avanzato anche l’ipotesi che la differenza fra la felicità maschile e quella femminile, a livello cerebrale, sia da ricercare nel testosterone: “Alti livelli di testosterone presenti negli uomini cancellano ogni possibile effetto del gene OMOA sul loro umore” precisa Chen. E conclude : “Può essere che gli uomini siano più felici prima dell’adolescenza, perché i loro livelli di testosterone sono bassi”.

Fonti:  www. agi.it e www.ansa.it

No Comments

  • Piero Berardi ha detto:

    Vorrei chiedere a Laura Pavesi, che firma l’articolo, di fare attenzione, perché nel titolo e nell’articolo afferma cose poi smentite più sotto nelle citazioni. Infatti Pavesi scrive che il gene gene MAOA (acronimo erroneamente trascritto monoamine assidasi -anziché ossidasi- A) “è presente solo nelle donne… è totalmente assente negli uomini”. In fondo all’articolo cita il leader dell’equipe di studiosi Henian Chen che afferma: ““Alti livelli di testosterone presenti negli uomini cancellano ogni possibile effetto del gene MAOA sul loro umore […] Può essere che gli uomini siano più felici prima dell’adolescenza, perché i loro livelli di testosterone sono bassi”. L’osservazione che (per amor di rigore scientifico) ho fatto oggi non intacca la mia stima per Pavesi di cui sono quotidiano lettore! Piero Berardi

Leave a Reply