L'Istituto di Tecnologia del Massachusetts (Mit) di Boston ha realizzato il primo vaccino contenente un tratto di Dna. Al contrario dei vaccini  classici non contiene virus o batteri depotenziati ma tratti di DNA in cui sono 'immagazzinate' le istruzioni per combattere la malattia. Materialmente, si tratta di un cerotto più facilmente trasportabile e che non richiede refrigerazione. Caratteristiche che potrebbero facilitarne l'uso nei Paesi in via di sviluppo.

Fonte: Ansa.

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.