Pediatri riuniti per donare un futuro migliore alle nuove generazioni

Regaliamo Futuro”: è lo slogan del XXV Congresso Nazionale della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) che, dal 12 al 14 settembre, riunirà a Bari oltre 150 relatori, tra pediatri ed esperti nel campo dello sviluppo psicofisico dei bambini e della diagnosi e terapia delle malattie infantili. Vi parteciperanno più di 500 medici provenienti da tutte le Regioni d’Italia.

Lavorare per regalare un futuro migliore ai bambini e agli adolescenti significa mettersi al servizio delle nuove generazioni per la salvaguardia della loro salute psicofisica – dichiara il dottor Giuseppe Di Mauro, Presidente della SIPPS. “Significa attuare strategie di interventi congiunti con tutti gli operatori di salute a favore della prevenzione e della promozione di un corretto stile di vita. Significa agire per la promozione attiva della condizione fisica, della crescita e dell’assistenza al bambino nelle varie fasi dell’età evolutiva. Significa contribuire allo sviluppo di una pediatria a 360 gradi, sempre più a misura di bimbo. Nel 1978, nel suo “Libro del riso e dell’oblio”, Milan Kundera scriveva che “I bambini sono senza passato ed è questo tutto il mistero dell’innocenza magica del loro sorriso”: oggi più che mai il nostro augurio è proprio che da questo Congresso emergano numerosi ed interessanti spunti e temi che regalino ai piccoli un futuro migliore e ricco di novità e soddisfazioni”.

Tra gli argomenti che saranno approfonditi a Bari, l’endocrinologia, la dermatologia, la diagnostica molecolare, le allergie alimentari, l’immunoterapia, l’importanza del latte materno, le novità in tema di allattamento, l’alimentazione in età prescolare, le medicine complementari (tra cui i farmaci omeopatici), la luce solare e le allergie, i disturbi del sonno e le vaccinazioni. Una tre giorni di riflessioni, incontri, dibattiti che animeranno i lavori del capoluogo pugliese, dove sono attese numerose e importanti personalità.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.