Auscultare il cuore con lo smartphone ora è possibile

By 13 Novembre 2019 Novembre 15th, 2019 Ricerca scientifica

Possiamo usare il nostro smartphone così com’è, «senza ulteriori periferiche o dispositivi indossabili», per misurare in modo accurato parametri vitali come la frequenza cardiaca e lo stato di stress psicofisico? La risposta sembrerebbe essere positiva. E i risultati ottenibili sarebbero paragonabili a quelli che si possono dedurre da un elettrocardiogramma. A dimostrarlo è stato un gruppo di ricercatori coordinati da Enrico Caiani, docente di ingegneria biomedica al Politecnico di Milano, in collaborazione con l’equipe di Gianfranco Parati, direttore scientifico dell’Istituto Auxologico. Il loro lavoro, pubblicato sulla rivista «Sensors», evidenzia come possa essere sufficiente sfruttare i normali sensori di accelerazione di uno smartphone per misurare la frequenza cardiaca rilevando le vibrazioni meccaniche prodotte dal cuore a ogni battito.

NELLO SMARTPHONE LE INFORMAZIONI SULLA NOSTRA SALUTE –  I ricercatori si sono focalizzati in particolare sull’addome, in corrispondenza dell’ombelico, «nell’ottica di uno scenario applicativo che contempla una breve acquisizione giornaliera della durata di 30 secondi in posizione sdraiata, al mattino prima di alzarsi dal letto». Elaborando questo segnale in modo opportuno, secondo gli studiosi, si potranno ottenere misure sulla frequenza cardiaca e sullo stato di attivazione del nervo vago, legato al livello di stress


...continua a leggere

Leave a Reply