Norme più restrittive per la pesca nel Mediterraneo

di 21 Settembre 2005Sostenibilità

Sono entrate in vigore nei giorni scorsi nuove norme sulla pesca nel Mediterraneo, stabilite per proteggerne le risorse marine. Le nuove misure sono state decise collegialmente dai 24 paesi membri della Commissione Generale sulla Pesca nel Mediterraneo, un organismo affiliato alla FAO, e vengono adesso adottate a livello nazionale.
Tra le nuove misure in vigore vi è il divieto dell’impiego di reti a strascico e draghe a profondità superiori ai mille metri. In linea con quello che la FAO definisce “un approccio cautelativo alla gestione della pesca”, il divieto mira a proteggere i fragili habitat dei fondali marini più profondi e le specie ittiche a crescita lenta che vi abitano – che a loro volta costituiscono spesso importante fonte di cibo per altre specie molto diffuse commercialmente, che vivono in acque meno profonde.
I paesi membri della Commissione hanno anche stabilito di istituire un registro unico centralizzato in cui immatricolare tutte le imbarcazioni di oltre di 15 metri di lunghezza, che sono già in possesso di autorizzazione alla pesca a livello nazionale.
Qualsiasi imbarcazione in quell’ordine di grandezza che non figura in questo nuovo registro sarà considerata non autorizzata ad operare nelle acque del bacino del Mediterraneo e se sorpresa a pescare, sarà soggetta a sanzioni nell’ambito delle giurisdizioni nazionali dei singoli paesi.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!