Sostenibilità

10 maggio strade e piazze senza automobili

Il 10 maggio in tutta Italia Legambiente darà spazio e voce a tutti i bambini, col ritorno dell'iniziativa “100 strade per giocare”, edizione dedicata ai temi dell’intercultura: giochi tradizionali ed etnici per una riappropriazione del territorio, delle strade e delle città. Per dire che per chiunque la sicurezza è poter attraversare una strada senza rischiare di essere investiti, camminare su un marciapiede senza essere ostacolati dalle automobili in sosta selvaggia, respirare senza pericoli per la salute derivanti da traffico e smog. Quindi non solo un momento per godere di una città più bella e pulita, ma un'opportunità per restituire strade e piazze ai cittadini, per ripensare gli spazi pubblici in modo che siano più fruibili da tutti, per promuovere ed incentivare una mobilità più sostenibile che tenga conto anche delle esigenze dei più piccoli. Insomma, come tradizione vuole da 15 anni, l'iniziativa sarà una festa per tutti: strade e piazze italiane per un giorno chiuse al traffico e, coi Circoli e le Bande del Cigno di Legambiente, si organizzerano giochi, spettacoli, mostre e tanto altro.La campagna che ogni anno per un'intera giornata porta migliaia di bambini, adulti e intere famiglie a scendere per le strade e le piazze della propria città, quest’anno vedrà la collaborazione di Volkswagen. La partnership con Legambiente da parte di un’azienda leader nel settore automobilistico è particolarmente significativa, ma coerente con l’impegno di Volkswagen di diminuire l’impatto ambientale dei mezzi di trasporto. “100 Strade per Giocare”, non è solo una festa per vivere le città liberi dallo smog ma anche un’importante occasione per incontrarsi, scambiarsi idee e fare proposte per rendere più vivibili i quartieri. Per una volta, infatti, non ci saranno veicoli ad intralciare la libera circolazione in strada di pedoni, ciclisti e passeggini. Gli adulti insieme . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.