Trentino, Forestale: “No a imbracciare i fucili contro l’orso”

di 18 Luglio 2015Luglio 20th, 2015Sostenibilità

“Bisogna mantenere i piedi per terra e guardare all’importanza della biodiversità che vede nella presenza dell’orso sulle Alpi trentine un elemento fondamentale”. Questo il parere del Corpo Forestale dello Stato sulla richiesta avanzata al ministero dell’Ambiente dalla Regione autonoma del Trentino Alto Adige di modificare il Piano d’azione per la conservazione dell’orso bruno consentendo l’abbattimento dei plantigradi anche in caso di animali “dannosi” e non solo nei confronti di orsi che rappresentano un pericolo per l’uomo. “Grazie a un’operazione brillantemente riuscita di ripopolazione dell’orso sulle Alpi compiuta dai trentini nel 1999 con l’introduzione di 10 orsi (7 femmine e 3 maschi) dalla Slovenia – spiega Daniele Zovi, comandante regionale del Corpo Forestale dello Stato di Veneto e Friuli – oggi abbiamo raggiunto la cosiddetta soglia critica di 50 animali. Il che significa che

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!