Come combattere lo stress nella stagione 2020-2021? Con lo sport online o nelle palestre?

Lo sport online è stato indispensabile per combattere lo stress da coronavirus.  In quarantena, complice il maggior tempo a disposizione e le tante proposte gratuite offerte dalla rete, in tanti hanno avuto accesso ad attività online prima difficili da sperimentare: c’è chi è diventato un ballerino pronto a competere contro gli All Blacks o chi si è trasformato direttamente in Jackie Chan. 

Questo aspetto mostra quanto muoversi e concentrarsi su se stessi, sia davvero una necessità. Prima della quarantena, la palestra veniva inserita nella lista delle cose da fare come un dovere. Durante il lockdown, invece, è diventata davvero un antidepressivo, ottimo per scandire il tempo e donare sollievo dopo giornate monotone o all’insegna dell’ansia.

La rinascita delle palestre online

In pratica si è diffuso un nuovo sistema di allenamento, che era già in atto ma non del tutto: quello delle lezioni online.  Questo ha consentito la rinascita di molte palestre che hanno potuto continuare a offrire i loro servizi, creando una nuova dinamica per combattere lo stress da coronavirus. 

Il sistema si è protratto anche in seguito alla riapertura delle palestre. In molti hanno ripreso il lavoro in ufficio, rientrando in una routine fatta di vita frenetica e tempo ristretto. Il minor tempo a disposizione per alcuni e la paura di rientrare nelle palestre per altri, hanno reso ottimale la possibilità di continuare a praticare in differita.

Lo sport online sarà la nuova frontiera per la salute?

Per rispondere a questa domanda abbiamo intervistato Davide Mayer, direttore della scuola JayaYoga di Venezia, un centro che durante il lockdown ha modificato il suo stile integrando alle lezioni in aula, lezioni online in diretta.

“Gestisco una scuola di Yoga e Pilates con iscritti di ogni fascia di età, che praticano mediamente due volte a settimana. Il lockdown è stato davvero duro, ma offrendo le lezioni online, oltre a dare un senso di quasi normalità attraverso gli allenamenti, abbiamo creato un nuovo metodo di insegnamento e interazione, che viene utilizzato anche ora che abbiamo riaperto”. 

Le lezioni vengono così svolte in un duplice modo: in diretta per coloro che possono collegarsi istantaneamente o registrate, in modo da poter praticare anche in differita. Sono moltissimi i centri che si avvalgono di questa dinamica, creando anche dei momenti di condivisione delle lezioni con foto o challenge da postare sui social.

Nel corso del 2020 le persone hanno compreso l’esigenza di fare attività. Per la stagione 2020-2021 si prevede un gran numero di iscrizioni nelle palestre online che continueranno a lavorare, in attesa di un ritorno alla normalità. Questa proiezione è testimoniata anche dall’incremento dell’acquisto di tappettini e altri strumenti in questi ultimi sei mesi, con un picco di vendita dei negozi online del 400%, come mostrano i dati di Aliexpress, ad esempio.

Sport online: uno strumento utile per combattere lo stress

“Sono convinto – aggiunge Davide – che lo sport sia il rimedio contro ogni tipo di stress, compreso quello che inevitabilmente creano le notizie sul coronavirus. L’online diventerà presto una forma sempre più utilizzata di modalità di allenamento, ma credo che molti torneranno in sala, anche per avere quel contatto umano che si è perso”.

La paura dei contatti rischia infatti di creare delle problematiche nella gestione delle relazioni.  Il dialogo telematico, che sicuramente è funzionale, non deve diventare la soluzione unica, ma un sistema integrativo. Praticare sport in un ambiente ovattato e casalingo è quindi ottimale per avere sempre una ricarica di endorfine e mantenere la muscolatura turgida. In questa prospettiva lo sport online aiuterà a combattere lo stress da coronavirus, dando agli utenti l’impressione di essere in sala e non soli.

Effetti collaterali di cui è importante tener conto.

Uno degli aspetti che l’allenamento online ha incrementato e a cui si deve, però, prestare attenzione sono gli infortuni da sport domestico. Marine Beuvert, chiropratica francese, residente a Venezia, sottolinea infatti l’importanza di fare attività sotto controllo di un esperto.

“Nel mio studio, dopo la quarantena, è arrivata molta gente dolorante perché non aveva più praticato sport oppure persone che lo avevano praticato in modo sbagliato. E’ fondamentale per il corpo e la mente essere in movimento, evitando movimenti sbagliati. Le lezioni online sono una buona soluzione in caso di impossibilità nel recarsi in palestra; suggerisco però di chiedere all’istruttore di farsi spiegare personalmente quali movimenti fare per sfruttare le potenzialità dell’online senza farsi male. Grazie allo sport continuativo si può davvero combattere lo stress e la tensione da coronavirus”.

Lo sport online è quindi un valido alleato per continuare gli allenamenti e mantenere alto il benessere fisico e mentale. Le palestre si sono adattate a questo nuovo sistema che sicuramente verrà utilizzato anche in futuro, indipendentemente da effetti legati al coronavirus.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.