Il mio Capodanno a Lisbona e 65 cose per cui sono grata

By 31 Dicembre 2019 Viaggi

Oggi è l’ultimo dell’anno e quando mi sono svegliata, godendo dei primi raggi di sole che entravano dalla finestra e del silenzio del mio appartamento qui a Lisbona ho sentito una gratitudine infinita.

Questo è un momento speciale un po’ per tutti ed è anche un periodo dell’anno in cui si fanno i buoni propositi, in cui si pensa a ciò che si vorrebbe realizzare.

Anziché ai buoni propositi per l’anno nuovo ho pensato a una lista di cose per la quale mi sento grata rispetto all’anno passato.

Ho lasciato che la mente andasse senza un ordine preciso e che afferrasse da sola i ricordi, le sensazioni, le parole, i visi, le sfumature.

Anziché scriverne 100 che è un numero spesso usato nelle liste di ogni genere ho iniziato a scrivere a mano libera e all’improvviso mi sono fermata al numero 65 e senza farlo di proposito ho concluso questa lista con il sole che è la cosa per la quale sono grata più di tutto oggi, un sole caldo e bellissimo che illumina questa giornata a Lisbona.

Sono andata a leggere il significato di questo numero ed ecco cosa ho trovato: “65 è una miscela di vibrazioni e attributi dei numeri 6 e 5″… “il numero 6 indica stabilità, protezione, cura, gratitudine” … “il numero 5 i principali cambiamenti della vita, la libertà, l’adattabilità, la curiosità, l’importanza delle scelte della vita”.

Visto il momento personale di cui mi trovo e che nulla avviene per caso, direi che il 65 è un gran bel numero e poi, avevo voglia di sentirmi libera e un po’ controcorrente anche nel fare la mia lista anche se in realtà ci sono moltissime cose per la quale essere grata ogni giorno, sicuramente molte di più di 100.

Questo è un consiglio che mi sento di dare a chiunque e non solo oggi: staccate gli occhi dagli schermi, guardatevi intorno, ascoltate e osservate con il cuore aperto, troverete molto per la quale essere grati e vi sentirete subito meglio.

Buon anno di cuore a tutti voi, il mio augurio, per quanto possa sembrare scontato  (vi assicuro che non lo è affatto) è:

Seguite il vostro cuore! Lui conosce la strada

Sara

 

65 cose per cui sono grata all’anno che sta per finire:

1. I tramonti più belli mai visti, non avrei mai creduto che ci fossero così tante sfumature di rosa in un solo tramonto
2. L’alba sulle isole Gili, in compagnia di una capretta meditando con il suono delle onde
3. Il mio primo viaggio zaino in spalla in Indonesia, un’esperienza magica
4. Il mio Joy che mi riempie il cuore e che parla con me in un modo solo nostro
5. Il cielo stellato in Indonesia durante una notte in bicicletta senza nemmeno una luce artificiale, una bellezza disarmante
6. Aver nuotato senza saperlo fare e la sensazione di totale connessione con l’elemento dell’acqua
7. L’affetto dei miei ex colleghi e il biglietto con le loro dediche, mi emoziona a distanza di mesi
8. ItaliaCheCambia.org che mi ha dato la possibilità di vedere pubblicato il mio primo articolo
9. BuoneNotizie.it che mi ha dedicato uno spazio per parlare di me
10. Lo Shiatsu e la connessione che crea
11. Essere a Lisbona e pensare a quanto l’ho sognata
12. Le persone speciali che mi sono sempre vicine, non le ringrazierò mai abbastanza
13. Il mio nuovo lavoro a Lisbona che mi dimostra ancora una volta che volere è potere
14. Poter praticare il portoghese una lingua che mi affascina da sempre e che mi incanta
15. Far parte del nuovo progetto di distribuzione cibo ai meno fortunati, un balsamo per l’anima
16. La prima domenica dedicata allo yoga e alla meditazione dopo tanto tempo in cui ho provato una gioia indescrivibile
17. Aver imparato la meditazione a passo di danza, un’esperienza che consiglio a tutti
18. Le ricette di cucina naturale che tornano utili sempre e che piacciono a tutti
19.I miei articoli pubblicati e arrivare al cuore delle persone
20. Essermi immersa nell’oceano Indiano riuscendo a vedere le tartarughe e la scultura sottomarina “Nest” (sempre senza saper nuotare)
21. I compagni di viaggio su treni notturni, sulle navi, sui bus, su i van sgangherati in Asia
22. Le persone estranee che mi hanno consolata quando la forza mi abbandonava nei luoghi e nei momenti più assurdi, vorrei tornare indietro per ringraziarle tutte
23. Aver guidato da sola dal sud al nord Italia e aver superato tutti i mezzi pesanti che mi hanno sempre terrorizzata
24. La prima esperienza su una nave e con Joy, unica e irripetibile
25. Il santuario per animali liberi in Germania dove mi hanno affidato cinquanta animali, la fiducia degli animali e avercela fatta
26. L’affetto della signora che mi ha aiutata con i cavalli in Germania e le ceste dei frutti del suo orto
27. Il weekend di raccolta della lavanda in Emilia e le persone incontrate
28. I libri di Federica Bosco
29. I video di Matthew Hussey
30. I nuovi libri ancora da leggere e il loro profumo
31. La gentilezza dei portoghesi
32. La salute e non darla mai per scontata
33. Il mio appartamento a Lisbona a due passi dal Tago
34. La camomilla con tanto zucchero e limone
35. Le persone sbagliate incontrate e averle perdonate tutte
36. I momenti durissimi e averli superati
37. La prima ubriacata vera e la consapevolezza che non fa proprio per me
38. Le persone che mi hanno ospitata
39. La mia famiglia
40. Il sorriso sincero di chi non ha nulla
41. I gabbiani davanti alla mia finestra e il loro canto
42. Le ricette imparate durante il mio viaggio
43. Aver quasi vinto la paura di volare
44. Un bellissimo segreto condiviso con me da una persona speciale
45. La penna di dieci colori anni ottanta ancora nuova
45. Aver imparato ad aprire una bottiglia di vino
47. La semplicità e bontà della pasta al pomodoro
48. I due ragazzi che mi hanno “salvata” quando mi sono persa di notte su un vulcano in Indonesia, mentre pioveva e che non parlavano inglese
49. L’accoglienza incredibile del BB di Menfi quando mi ero un pò persa
50. La giornata ad Assisi e passeggiare tra le sue stradine con Joy in braccio
51. Aver imparato a prendermi cura di me per prima
52. Londra, i suoi colori, profumi e l’emozione che mi regala ogni volta
53. Le ragazze incontrate durante il progetto Workaway e il loro affetto
54. Aver fatto surf senza saper nuotare ed essere caduta una volta sola
55. I prodotti vegani quando li trovo e mi rendono davvero felice
56. Le persone buone
57. La porziuncola di San Francesco di Assisi e l’energia che se chiudo gli occhi… sono ancora li
58. La meditazione del mattino e della sera
59. Andare a dormire prestissimo
60. Vincere la mia timidezza sempre di più (e chi l’avrebbe detto?)
61. Fare solo ciò che mi va
62. Godere del qui e ora
63. Il Minimalismo nella vita di tutti i giorni
64. Le canzoni anni novanta
65. Il sole

 

Leave a Reply