A Steve Jobs e ad Einstein non ha impedito di cambiare il mondo

di 14 Ottobre 2013Video

Steve Jobs, Einstein, Andy Warrol, Walt Disney, ma anche Agatha Christies e Picasso. Geni? Sicuramente e anche dislessici. Eppure, come hanno ben dimostrato, questa “particolarità” non gli ha impedito di fare grandi cose, e in alcuni casi anche di cambiare il mondo.

Proprio allo stesso modo Andy, Walt, Agatha, Steve, Albert, Pablo, John sono bambini dislessici che però sanno coltivare i propri doni e i propri talenti: chi nella scrittura o nell’arte, chi nella fisica o nella musica. Tutti impegnati in una sola idea: realizzare i propri sogni, indipendentemente dal fatto che la vita abbia messo loro una difficoltà in più da affrontare.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

La dislessia causa infatti difficoltà nell’apprendimento della lettura, scrittura e del calcolo: eppure se le cose si fanno complesse i “duri” cominciano a giocare e tutti quei bambini lo fanno. E questo messaggio semplice è quello che vuole dare lo spot “I segni della Dislessia, patrocinato da Fondazione Pubblicità Progresso, presentato dall’Associazione Italiana Dislessia al XIV Congresso Nazionale, prima iniziativa della campagna di sensibilizzazione sul tema. In pratica: i bambini dislessici possono essere riconosciuti e aiutati, la dislessia non li condanna inesorabilmente all’isolamento perché AID può aiutarli, in una delle 93 sedi sparse per il territorio.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!