“Obiettivo zero”: scatti di sostenibilità ambientale

Mobilità sostenibile e fonti rinnovabili: sono solo due delle numerose tematiche green di cui sempre più spesso si sente parlare. Ma sta davvero avvenendo il cambiamento? Se ne parla e basta o esistono azioni concrete a favore della sostenibilità ambientale? A queste domande, cerca di rispondere “Obiettivo Zero”.

“Obiettivo Zero” è il primo concorso fotografico lanciato da “Corrente in Movimento”, associazione che promuove approcci e stili di vita a basso impatto ambientale, che punta proprio a sensibilizzare e coinvolgere attivamente la popolazione, a sostegno dell’ambiente e della mobilità sostenibile. Se esistono buone pratiche ed esempi virtuosi di stili di vita sostenibile, è arrivato il momento di documentarle!

Dunque obiettivo puntato sull’impiego di energie rinnovabili, sulla mobilità sostenibile e su qualsiasi altra iniziativa a basso impatto ambientale. La realtà che ci circonda è ricca di buone pratiche ambientali volte ad un approccio più green: bisogna solo saperle cogliere e soffermarsi ad osservarle. Dunque, basta avere una macchina fotografica, creatività e spirito d’osservazione! Sì, perché il concorso fotografico “Obiettivo Zero” è aperto a tutti, è gratuito, e mira a documentare e immortalare le esperienze visive green attraverso gli occhi dei cittadini.

Il coinvolgimento del pubblico è totale e fondamentale: ciascun partecipante, infatti, potrà proporre due scatti che saranno votati online dalla pagina Facebook del progetto da una giuria interamente popolare. I primi venti scatti più votati concorreranno ad un’ulteriore selezione, questa volta da parte di una giuria qualificata, comprendente fotografi professionisti, giornalisti ed esperti di comunicazione.

Il primo premio è un weekend per due persone, e non poteva che trattarsi di un soggiorno sostenibile! Insomma, la sostenibilità ambientale sta sempre di più entrando a far parte della nostra vita quotidiana, c’è solo bisogno di cambiare prospettiva e grazie a questa iniziativa, tocca a ciascuno di noi raccontare i cambiamenti green realmente presenti nelle nostre città.

Leave a Reply