Lecce apre la port(ier)a alla mobilità elettrica in Salento

By 14 Ottobre 2013 agosto 14th, 2018 Ambiente

Oggi vi presentiamo Lecce. La conoscete già?
Ma si, certo…. chi non ne conosce la vivace vita culturale, chi non ha mai sentito parlare del suo tipico Barocco o apprezzato l’elegante discrezione delle mille viuzze che si inseguono nel centro storico? Si, anche questa è Lecce.
Ma non la nostra Lecce. Quella che vi raccontiamo oggi è la storia di una rivoluzione ambientale che nasce nella città salentina, da un’intesa tra Comune di Lecce ed Enel.

Lecce apre la porta alla mobilità elettrica e lo fa con una promessa. Quella di costruire una serie di prime colonnine elettriche che permetteranno di ricaricare auto e motorini green. La città si dà due mesi di tempo.  Sarà dunque il Natale (o al massimo il nuovo anno) ad inaugurare le prime colonnine.
E se anche non saranno le «Venti» auspicate dall’assessore all’Innovazione Tecnologica Alessandro Delli Noci durante un seminario sulle smart city nell’ambito di ArtLab, sarà comunque un inizio.

Un atteggiamento collaborativo arriva dall’ufficio Mobilità dell’Amministrazione comunale, che ha deciso di far transitare le auto elettriche nel centro storico della città senza bisogno di alcun permesso. Piccole agevolazioni che possono incentivare l’acquisto delle auto a basso impatto ambientale, dicono alcuni.
Vero, rispondiamo noi. Aggiungendo che su quest’ultima decisione qualche dubbio rimane. Non sia mai infatti che questi veicoli (e i loro conducenti) non alterino la già precaria viabilità del Centro storico, trasformando un’iniziativa nata per promuovere la tutela dell’ambiente in un incubo della mobilità insostenibile!

2 Comments

  • Oggi quando? non trovo una data sugli articoli!

    • Silvio Malvolti ha detto:

      Ciao Mirko. L’articolo risale al 14 ottobre 2013. Sarebbe interessante sapere, se abiti a Lecce, se l’assessore ha mantenuto lapromessa e se le colonnine elettriche sono ancora esistenti e utilizzate o se siano addirittura aumentate nel corso di questi anni!

Leave a Reply