Dalla Giunta Capitolina il nuovo Piano Strategico sulla mobilità sostenibile

By 1 Ottobre 2009 marzo 5th, 2017 Attualità

Assicurare “mobilità, sicurezza e salute” questi gli obiettivi dichiarati del piano strategico della mobilità sostenibile” (PSMS) approvato a Roma questa mattina dalla Giunta capitolina. Luci puntate sulla vivibilità della città, sulla “mobilità sostenibile”, sul riassetto delle aree urbane e sulla loro riqualificazione a misura del cittadino e dei bisogni attuali e futuri della comunità. Il piano che sposa valori e aspetti aspetti prioritari delle politiche comunitarie e nazionali in materia di trasporti e ambiente si configura in tutto e per tutto come uno degli strumenti attuativi del tanto osannato Sustainable development  dove dimensione economica, sociale e ambientale si sposano.

Cosi anche da Roma i primi interventi. Il sindaco Alemanno, gli assessore Marchi (Mobilità), De Lillo (Ambiente), Ghera (Lavori Pubblici) e Corsini (Urbanistica) discuteranno le linee guida del piano insieme con la regione, la provincia, il ministero delle Infrastrutture, le associazioni di categoria ed  i cittadini, per decidere quali siano gli strumenti idonei e le migliori modalità per investire su un tema delicato come la vivibilità del territorio, abbracciando  bisogni attuali e futuri della comunità.

Ri-progettazione degli spazi urbani e sviluppo sostenibile del territorio si traducono nel piano in : più trasporto pubblico su ferro e gomma, meno inquinamento atmosferico e acustico, nuove viabilità, miglioramento dei sistemi del traffico e delle soste , maggiori aree pedonali, rilancio del piano parcheggi , più sicurezza e qualità di mezzi e infrastrutture, potenziamento del traffico agendo su semafori, attraversamenti ed incroci. E ancora utilizzo dei mezzi pubblici in luogo di quelli privati e quindi maggiori mezzi pubblici a disposizione dei cittadini e piani particolareggiati di traffico nella Caput Mundi. Questi gli obiettivi previsti per il breve periodo.

Nel lungo termine, invece, i grandi progetti. Si parla di potenziamento della rete ferroviaria metropolitana e regionale, di ultimazione linee metro C e D, di prolungamento e migliore agibilità delle attuali linee metropolitane A e B, di nuovi parcheggi, di ampliamento e pedonalizzazione nella aree del centro storico e ,chiaramente, di ottimizzazione dei lavori nelle aree del GRA e del Lungotevere.

I temi che il piano abbraccia insomma sono molteplici: vivibilità del territorio, rapporto e contatto con l’ambiente, sostenibilità ambientale, sicurezza, quindi qualità della vita. E proprio rispetto a quest’ultimo tema il sindaco Alemanno non poteva mancare di soffermarsi sull’importanza di attuare un piano di sicurezza stradale per ridurre gli incidenti stradali in continua crescita su tutto il territorio del Bel Paese. Migliore applicazione del codice della strada da parte di tutti i cittadini, misure preventive e precauzionali per ridurre l’esposizione agli incidenti, miglioramento della segnaletica stradale, interventi di riqualificazione sul territotio e sulle strade per aumentare gli standard di sicurezza e, ovviamente,  sviluppo e potenziamento delle azioni di monitoraggio e controllo del fenomeno incidentale. Un piano insomma che almeno su carta sembrerebbe rispecchiare gli obiettivi della “Strategia europea sull’ambiente urbano” toccando aspetti quali la gestione urbana, il trasporto urbano , l’edilizia e la progettazione urbana sostenibili. Si spera che nel concreto riesca ad assicurare ai cittadini vivibilità del territorio urbano eincidendo sulla loro qualità della vità.

Leave a Reply