Cura e assistenza Alzheimer: a totale carico dello Stato

By 2 Aprile 2012 marzo 5th, 2017 Attualità

Buone notizie per i familiari dei malati di Alzheimer. Non devono versare alcuna retta, ai Comuni, per il ricovero dei loro cari in strutture per lungodegenti, in quanto si tratta di importi a totale carico del Servizio sanitario nazionale, dato che il tipo di patologia non consente di fare distinzione tra spese per la cura e spese per l’assistenza.

Lo ha stabilito la Cassazione con una recente sentenza (n. 4558 del 22 marzo 2012), che ha respinto il ricorso di un Comune veneto che forniva assistenza a pagamento. I giudici, infatti, hanno dato ragione al marito e ai figli di una donna, ricoverata nel 1992 nella casa di cura ‘Costante Gris’ di Mogliano Veneto perchè, per effetto dell’Alzheimer, non era autosufficiente e aveva bisogno di assistenza continua per tutto, anche per deglutire.

Il Comune trevigiano di Carbonera, dove la famiglia risiedeva, aveva preteso una retta di quasi due milioni e mezzo al mese di vecchie lire solo per pagare l’assistenza, oltre ai costi del ricovero sanitario vero e proprio. Il Comune sosteneva che si sarebbe dovuto fare carico di tali spese solo se la malata fosse “indigente”, ma non era questo il caso dato che i congiunti avevano un loro reddito e dunque, secondo il Comune, dovevano pagare.

In primo grado, il Tribunale di Treviso aveva dato ragione al Comune, e aveva condannato i familiari a pagare la retta e quasi 50 milioni di lire per l’assistenza. La Corte di Appello di Venezia, però, aveva accolto l’appello dei familiari del malato, ritenendo fondata la domanda di ripetizione degli stessi avanzata e immeritevole di accoglimenti la riconvenzionale proposta dal comune.

La Corte di appello spiega, infatti, che “veniva in evidenza, alla stregua delle norme contenute nell’art. 30 della l. n. 730 del 1983 e del DPCM 8 agosto 1985, la natura di carattere sanitario delle prestazioni eseguite nei confronti della paziente, gravemente affetta dal morbo di Alzheimer e sottoposta a terapie continue, a fronte delle quali le prestazioni di natura non sanitaria assumevano un carattere marginale e accessorio”. Su ricorso del Comune, pertanto, la Cassazione ha respinto le pretese della stessa amministrazione ed ha confermato la decisione di secondo grado.

Una simile distinzione tra gli aspetti della cura e quelli dell’assistenza, spiega la Suprema Corte, “presuppone una scindibilità delle prestazioni”, che non ricorre nell’ipotesi dei malati di Alzheimer, che hanno bisogno di una “stretta correlazione” di prestazioni sanitarie e assistenziali, con “netta prevalenza degli aspetti di natura sanitaria”.

Per la Cassazione, in fatto di sanità, ciò che più conta “è il nucleo irriducibile del diritto alla salute, protetto dalla Costituzione come ambito inviolabile della dignità umana.

Ora, ci si augura che il governo estenda questo principio, sancito dalla recente sentenza della Cassazione, anche e tutte le altre situazioni in cui versano i malati non autosufficienti e per i quali non sono previsti finanziamenti.


Fonte: www.canicattiweb.com

No Comments

  • Maria Teresa ha detto:

    E l’assistenza a domicilio…..deve essere pagata??Intendo un aiuto per la pulizia personale saltuaria…

  • gianna.curto ha detto:

    Mio marito malato di alzheimer da 5 anni da più di un anno non cammina,lo dobbiamo imboccare,non si capisce una parola di quello che dice.Assisterlo è molto pesante,ho un aiuto che mi costa euro 800 mensili più versamenti inps,più ferie ecc ,per un totale di più di mille euro al mese, non metto in conto il mio lavoro,sto 24 ore al giorno con lui.
    Lo stato gli dà un assegno di accompagnamento di 570 euro circa ‘come ad altre persone che pur essendo malate non hanno bisogno di tanta assistenza. Trovo ingiusto questo trattamento. Se lo ricovero in una clinica specializzata è tutto gratis. Quanto costa allo stato questo ricovero ,perché non dà la metà di questa cifra alla famiglia quando se ne fa carico ? Vorrei che qualcuno me lo spiegasse !
    Grazie
    Gianna

  • Valerio ha detto:

    Rinuncio volentieri all’accompagnamento . Mi trovo in sardegna e sinora ho solo pagato. Case di cura che iniziavano chiedendo rette mensili da 1.500, 00 al mese e mese per mese aumentavano la richiesta sino ad arrivare a 1.900, 00. Sono in una situazione disperata. Mio padre oramai allettato è sposato e a 4 figli. La moglie (mia madre) si è separata e a chiesto un assegno di mantenimento. I miei 3 fratelli ………. non hanno tempo. L’unico che lo segue sono io. Sto’ spendendo tutto per assisterlo e oramai non c’è la faccio più. Potete aiutarmi dandomi gli indirizzi degli istituti per l’assistenza ai malati di bemenza senile? Grazzie in anticipo valerio.

  • valerio ha detto:

    Cura e assistenza Alzheimer: a totale carico dello Stato. Ma dove? Oramai e 1 anno che cerco una una struttura per mio padre che ha l’alzaemer. Mi rispondono tutti compreso le associazioni varie che non esiste nessuna struttura gratuita. Quando faccio notare che su internet gira l’articolo con la sentenza mi dicono: si e’ vero ma riguarda solo chi è terminale e non riesce più neanche a deglutire. Spero che qualche lettore sia stato più fortunato di me ……. e mi invi l’indirizzo di qualche struttura gratuita. nomenc@tiscali.it grazie valerio

  • davide ha detto:

    sono il quinto di cinque figli mia madre e da quattro anni e malata dopo una vita di sacrifici lavoro e la morte del piu grande dei miei fratelli vive ….se cosi si puo dire in casa con una badante per cinque ore al giorno,non essendo AUTOSUFFICIENTE VIENE ASSISTITA DA UN CENTRO TRE VOLTE A SETTIMANA E LA DOMENICA DA NOI FIGLI MA LA SITUAZIONE E COMPLESSA E CI SONO TROPPE FASCIE ORARIE NON COPERTE PER CUI STIAMO CERCANDO UN CENTRO NEI DINTORNI DI BOLOGNA SE QUALCUNO AVESSE INFORMAZIONI CONTATEMI GRAZIE

Leave a Reply