Nasce la Scuola italiana di qualità e sicurezza alimentare

By 29 Giugno 2012 Marzo 5th, 2017 Attualità

Nasce la prima “Scuola Italiana di Qualità e Sicurezza Alimentare”, che si rivolge ad aziende ed operatori del settore agroalimentare con proposte di formazione modulari e personalizzate e che riserva un’attenzione particolare al consumatore.

L’innovativa Scuola è ubicata presso il Museo del Gusto di Frossasco (Torino), che ospita anche una tradizionale Scuola di cucina. I settori coinvolti dalla “Scuola Italiana di Qualità e Sicurezza Alimentare” sono molteplici: dalla produzione alla distribuzione, dagli studi di consulenza alla pubblica amministrazione.

La localizzazione della Scuola, permette anche una stretta connessione con la “food valley” locale e con molte aziende del settore agroalimentare: dalle grandi realtà ai piccoli laboratori artigianali.

La Scuola Italiana di Qualità e Sicurezza Alimentare, sostenuta dalla Camera di commercio di Torino, vuole anche essere sede di confronto in cui aziende ed operatori possono trovare una soluzione personalizzata oppure i partner giusti per i propri fabbisogni formativi.

Gli eventi, i corsi, i seminari e i convegni coinvolgeranno anche il settore medico, insegnanti, studenti e consumatori per diffondere la cultura di un’alimentazione sana ed equilibrata e per sensibilizzare sui rischi di alimenti non sani.

“La Scuola Italiana di Qualità e Sicurezza Alimentare intende fornire le informazioni giuste al consumatore, il soggetto più debole della catena produzione-controllo-consumo”, ha dichiarato Giorgio Gilli, Presidente del Comitato scientifico, “ma anche trasmettere un messaggio alle aziende produttrici, che ormai sempre più – e giustamente – puntano sulla qualità e sicurezza degli alimenti.”

“Il nostro obiettivo è promuovere la crescita delle aziende e degli operatori impegnati nel settore agroalimentare, senza dimenticare il consumatore”, ha sottolineato il segretario della Camera di commercio di Torino Guido Bolatto. “Gli alimenti devono ormai rispettare diversi requisiti: essere sicuri, identificabili tramite un’etichetta, ma anche essere buoni, sani e nutrienti, per questo la formazione è necessaria sia per i professionisti del settore sia per il consumatore.”

 

Fonte:  www.ansa.it

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.