Raggiungono quota 40 gli enti italiani promotori del commercio equo

di 6 Ottobre 2009Innovazione

Salgono a quota 40 gli enti locali italiani che hanno scelto di aderire alla campagna per la promozione del commercio equo presso la cittadinanza. Cuneo, Vedano al Lambro (MB), Lurate Caccivio (CO), Pieve di Cento (BO) sono tra i nuovi enti equosolidali riconosciuti dalla Campagna che valuta le istituzioni maggiormente impegnate nella promozione del commercio equo. L’inserimento di questi enti è stato deliberato la scorsa settimana nel corso dell’ultima seduta del Comitato tecnico della campagna, composto dai rappresentanti degli enti promotori: Fairtrade Italia, Banca popolare Etica, Legambiente, Enti locali per la pace, Agende 21 locali italiane. Gli enti locali riconosciuti devono dimostrare, attraverso azioni concrete, di sostenere il commercio equo: l’inserimento dei prodotti di commercio equo, iniziative di sensibilizzazione, rapporti con le realtà locali di commercio equo. Il passo successivo sarà ora il conferimento del titolo che avverrà attraverso una cerimonia pubblica con la consegna di un riconoscimento e l’impegno per il futuro a diffondere i materiali della campagna e ad agire sempre di più a sostegno della cooperazione allo sviluppo e del commercio equo. E non è tutto. La campagna ”Città equosolidali” patrocinerà la Fiera di Cremona Compraverde Buy Green che si svolgerà dall’8 al 10 ottobre. La Campagna città equosolidali si rivolge agli Enti locali (Comuni, Province, Regioni e altri Enti) e ai cittadini per orientare le comunità locali verso gli acquisti di prodotti equosolidali attraverso azioni e iniziative concrete. E’ promossa da Fairtrade TransFair Italia (organizzazione di certificazione dei prodotti equosolidali), Coordinamento Agende 21 locali italiane, Coordinamento Enti locali per la pace e i diritti umani e Agices (Associazione Assemblea generale italiana del commercio equo e solidale). Alla campagna hanno aderito Ctm Altromercato, Commercio Alternativo e Associazione Botteghe del Mondo. Vedremo se in futuro altre realtà locali riusciranno a farsi premiare.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.