Torna il 10 aprile la Giornata delle Oasi WWF

Anche quest’anno, con l’arrivo della primavera, il WWF apre gratuitamente le sue aree protette per offrire a tutti una domenica da trascorrere insieme agli amici, alla famiglia, a contatto con la natura e con i “custodi” impegnati da sempre a difenderla. Domenica 10 aprile ci si potrà immergere nella natura protetta e ancora incontaminata delle 124 Oasi custodite in ogni regione d’Italia: dalle montagne delle Alpi ai laghi costieri della Toscana, dai boschi degli Appennini alle coste selvagge della Sicilia, sarà l’occasione per grandi e piccoli per scoprire paradisi di biodiversità dove vivono fenicotteri, lontre, caprioli, lupi, anatre selvatiche e partecipare alle tante sorprese, ai giochi, agli spettacoli, alle visite guidate, ai pic-nic sui prati, ai mercatini che verranno organizzati per l’evento.
“La natura è la migliore delle scuole”, lo slogan di quest’anno, sottolinea il ruolo della natura come fonte di ispirazione e conoscenza, celebrare il suo valore evocativo e creativo. La Giornata delle Oasi 2005 inaugura un lungo percorso che accompagnerà tutto il Decennio delle Nazioni Unite per l’educazione per lo sviluppo sostenibile (2005-2014): quest’anno il WWF ha così dedicato alle scuole italiane un progetto di valorizzazione del ruolo educativo delle Oasi, aree attive da oltre 30 anni nel campo dell’educazione ambientale. Sono quasi 200.000 i bambini e i ragazzi, infatti, che ogni anno visitano le Oasi del WWF, nel 2004 circa 60.000 alunni di circa 2.500 classi hanno svolto attività didattiche nei Centri di Educazione Ambientale (CEA) gestiti dal WWF,
Il “pacchetto” scuole del WWF per la Giornata Oasi 2005 prevede per tutti gli insegnanti un Programma didattico per preparare l’uscita o scoprire la natura che si nasconde vicino casa, un vero e proprio “Taccuino del naturalista”. Inoltre, dal 4 al 9 aprile, una settimana di visite gratuite (fino a esaurimento disponibilità) in una delle Oasi del WWF, “aule all’aperto” ideali dove osservare, sperimentare, documentare la natura insieme a educatori esperti nelle centinaia di percorsi didattici.

Lascia un commento